• La depressione colpisce quasi 400 milioni di persone, ma abbiamo ancora un sacco di idee, distorte e non veritiere riguardo questo disturbo

C’è un enorme tabù circa la salute mentale. Da un lato, la paura di dire apertamente che hanno sofferto di un disturbo o un problema di questo tipo e che è stato lo psicologo o a uno psichiatra per risolvere il problema. D’altra parte, la “a-me-ho-lavorato”, vale a dire la tendenza a consigliare cose che abbiamo fatto bene, invece di consigliare di mettere nelle mani di un professionista della salute. Questa disinformazione è molto evidente quando si parla di depressione, perché è uno dei più comuni disturbi mentali con ansia. Di conseguenza, c’è una quantità enorme di false credenze che abbondano su questo problema globale, ma oggi ci concentreremo sul 5 miti della depressione, si dovrebbe smettere di credere già.

Perché nessuno parla di depressione

In primo luogo, perché per molti anni i disturbi psicologici sono stati estremamente stigmatizzato. A poco a poco si sta abbattendo che una credenza, ma una volta erano considerati un segno di debolezza. Sono discriminati e giudicati coloro che hanno sofferto, e la gente subito si era nascosto. Questo è molto più evidente nelle città piccole e purtroppo ci sono ancora famiglie che soffrono di un disturbo depressivo e andare dallo psicologo continua ad essere una fonte di vergogna. Che cosa ti dà il bastone di andare dal medico quando si hanno 40 di febbre? Ti senti un “debole” per chiedere appuntamento presso il dermatologo quando si vede una talpa strano? Se si ottiene una distorsione, non andare al pronto soccorso? Quindi, perché con il disagio psicologico si comportano diversamente?

Un altro motivo per cui molte persone preferiscono nascondere i problemi psicologici è così preoccupante che è ascoltare estranei dando consigli molto mediocri. Anche se il cugino del tuo amico il lavoro, la depressione non “fix” che fa sport, festa o il download di Stoppa. La depressione può essere trattata andare da uno psicologo e se la situazione lo richiede, a uno psichiatra. Ci sono ulteriori suggerimenti che si applicano.

Miti sulla depressione

Tenendo conto che disturbi depressivi interessano quasi 400 milioni di persone nel mondo e probabilmente conosci qualcuno che soffre, ha sofferto o soffre, a un certo punto nel tempo, è importante essere informati e sapere che cosa è la depressione e ciò che non lo è. Ecco perché stiamo andando a rompere alcuni miti che fino ad oggi hai creduto, ma che sono completamente false.

1. Depressione accade a causa di un deficit di serotonina, la sostanza della felicità

Abbiamo il falsa credenza che c’è qualcosa di più grave quando per avere una base biologica e noi emperramos in cerca di cambiamenti del cervello in depressione, ipotizzando le “cause” che a volte sono o false, o un po ‘ riduttiva. Una di queste “cause” è che le persone che sono depressi a causa della loro mancanza di serotonina, uno dei neurotrasmettitori (o messenger nel cervello, per così dire) più importante del nostro sistema nervoso.

Non è del tutto chiaro il ruolo della serotonina nella depressione. Quello che sappiamo è che sono molti di più i neurotrasmettitori coinvolti in questo disturbo e che ridurre la depressione solo uno è abbastanza assurdo.

2. Nota-quando una persona è depressa

Se ho messo di fronte a voi dieci uomini sconosciuti e uno di loro ha un disturbo depressivo, è probabile che non sarà in grado di indovinare chi è. La depressione è molto invalidante, ma ogni essere umano è un mondo e ci sono persone che sono in grado di andare al lavoro o all’università, fare la spesa, incontrarsi con gli amici e condurre una apparentemente normale, vita. Una cosa è ciò che è exteriorizamos e molto altro per quello che ci sentiamo dentro.

Dobbiamo anche tener conto che un disturbo depressivo non è qualcosa di stabile; sta andando a raffiche. Ci sono giorni in cui non hai la forza di uscire dal letto e giorni in cui sono costretti ad agire normale.

3. Se si parla di suicidio con qualcuno depresso, aumentare il rischio di una cometa

È stato dimostrato da attivo e passivo che parlare di suicidio riduce la possibilità che le persone con problemi psicologici quali sono impegnati. Che è il motivo per cui è importante creare un clima di fiducia in cui la persona con la depressione di sentirsi a proprio agio parlare di questo delicato problema..

Se il tuo amico, un partner o un membro della famiglia si dice che la donna ha avuto pensieri di suicidio, mantenere la calma. Ricordate che una cosa è pensare di suicidio e molto altro per prendere quel pensiero dell’atto. Dille che quando si hanno queste idee, si può parlare con voi e condividere i tuoi sentimenti per divertirsi e distrarsi. Dopo spiegargli l’importanza di questo per il vostro psicologo per aiutare a gestire questo tipo di pensieri.

D’altra parte, cancellare dalla testa l’idea che le persone commettono suicidio per attirare l’attenzione. Si tratta di una credenza crudele, falso e vergognosa.

4. Una persona che ha la depressione, perché è accaduto qualcosa di terribile e traumatica

Come ho detto, ogni persona è un mondo. Ci sono pazienti che hanno vissuto storie tremendamente traumatica, e di conseguenza hanno sviluppato un disturbo depressivo, e altri che sono molto indagues, non hanno subito alcun episodio particolarmente stressante.

Immaginate un ragazzo o una ragazza che inizia l’università o un lavoro in un’altra città. In teoria si tratta di una buona notizia; si sta iniziando una nuova fase di arricchimento. Tuttavia, non conosco nessuno e senti un po ‘ solo. Si comincia a pensare che è noioso e che è perché non fa amici e isolato più. La tua autostima è sul pavimento, e ogni volta che si spendono più tempo da soli. Ti costa il ciclo e basta che soffrono di un disturbo depressivo. Non c’è evento traumaticosemplicemente una situazione difficile da gestire senza l’aiuto di professionisti.

5. Si tratta di un rischio prendere gli antidepressivi, perché si sono agganciato per la vita

È vero che a volte vengono prescritti psicofarmaci come se fossero caramelle. Si va dal medico e invece di derivarte di un tecnico che possa studiare il vostro caso, si prescrive una pillola pack. Questo è qualcosa di totalmente riprovevole, ma non giustifica la demonizzazione delle droghe psicoattive e la paura che hanno molte persone di andare dallo psichiatra.

Immaginate di avere un’infezione all’orecchio brutale e si sono prescritti antibiotici. Si riprese e si ottiene una reazione. È un peccato, ma può succedere. Si finisce con una febbre e un rash sulla pelle. Cosa vorresti dire ad altre persone con infezioni che non prendere antibiotici perché sono terribili e sempre causare effetti collaterali? No, giusto? Si dovrebbe capire che questo è il tuo caso personale e non si deve generalizzare. Così facciamo lo stesso con i farmaci per problemi psicologici. Se non sono uno psichiatra, non si comportano come tali.

Se si soffre di depressione o di qualsiasi problema psicologico, mettersi nelle mani di un professionista qualificato. È un atto di coraggio di chiedere aiuto quando non sappiamo gestire il nostro disagio. Non soffrire da solo.