In Colorado, in cima alla grondaia del fiume Poudre, c’è questa piscina naturale in cui gli animali si divertono a rinfrescarsi.

Gli Stati Uniti non sono solo Disneyland, grandi imprese, Las Vegas e ricche spiagge, ma hanno anche una fauna e una flora uniche nel suo genere e nella sua diversità. Un esempio di ciò è quello che si può vedere in cima al canyon del fiume Poudre in Colorado, dove gli animali selvatici visitano costantemente una pozza naturale di acqua bassa, nota a tutti gli abitanti della zona come sguazzare, perché è diventata la meta ideale per molti di questi esseri viventi per rinfrescarsi e fare un bagno di fango.

David Neils / Vimeo

Ciò che David Neils, un ambientalista e ricercatore della fauna selvatica, è stato in grado di catturare dopo aver posizionato una telecamera remota alla base di un pioppo puntato verso questa pozzanghera tanto amato e conosciuto dagli animali del settore. In più di 6.000 immagini e vari video, Neils è riuscito a catturare come un gruppo di alci, non più di un anno, stava combattendo per chi ha fatto il bagno di fango per primo. Giovani mammiferi che volevano davvero godersi questa spa naturale.

“Ho trovato il posto utilizzando Google Earth (…) Sto cercando l’habitat giusto; Cerco sorgenti d’acqua (…) [preferentemente donde pueda ver] cervo, alce, alce e caribù (…) Si comportano come se avessero le corna in testa, come se si allenassero, ma non hanno ancora le corna (…) Quindi è una risposta totalmente intuitiva, quasi involontaria “

– disse David neils per Il dodo

Alce schizza in una pozzanghera di fango perché nessuno la guarda.  Goditi la tua spa 9
David Neils / Vimeo

In uno dei video caricati da Neils, può essere visto come due del gruppo di giovani alci, presumibilmente esausti e sconfitti, si allontanano lasciandosi indietro uno, quello che teneva felicemente l’acqua tutta per sé. Così che dopo inizia a saltare, calciare e schizzare, come se festeggiasse l’esclusività di quella piscina naturale.

Immagini incredibili che sono state ottenute dopo che Neils ha impiegato 250 ore di riprese e una complessa scalata sul ripido canyon. Sforzo che è stato indubbiamente ricompensato dalla scena di quell’alce felice che faceva il bagno e si rotolava nell’acqua e nel fango dopo aver lottato per il suo diritto di restare lì da solo. Una vittoria che rimarrà per i posteri.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));