Si chiama Paçoca ed è brasiliano. Fu abbandonato due mesi dopo, sulla porta di un ospedale veterinario, dopo essere stato investito. A tutto il suo fascino, dobbiamo aggiungere l’eterocromia dei suoi occhi, che gli conferisce uno stile unico.

L’adozione è spesso quasi una competizione, soprattutto quando si tratta di animali. Se il cane o il gatto non è così aggraziato, è più difficile per una famiglia amarli. Sembra un po ‘crudele e freddo, ma è ancora vero. Quando hanno una disabilità, quella difficoltà aumenta ancora di più.

Il caso del meraviglioso Paçoca è semplicemente fantastico. Si scopre che è stato abbandonato alla porta di un ospedale veterinario, dopo essere stato investito e quando aveva appena due mesi. Pensavano che sarebbe morto, ma grazie all’enorme lavoro dei professionisti è riuscito a sopravvivere. L’adozione sarebbe complessa, ma una donna di nome Simone gatto si interessò al felino e divenne la sua madre umana.

Oggi è un esempio di superamento e persino protagonista sulla copertina di un libro. La sua eterocromia negli occhi gli dà un tocco molto speciale.

Archivio personale Simone Gatto

Simone e il piccolo Paçoca hanno iniziato una bella relazione, dove la donna ha capito quanto può essere complesso e speciale vivere con qualcuno che è paraplegico.

Fu così che scoprì la sua vocazione. Una sorta di missione di vita, dove l’adozione di animali con disabilità è diventata l’asse di questo percorso.

Bellissimo felino paraplegico è un esempio di superamento e persino di stelle sulla copertina di un libro 21
Ademir Fheliz

Il tempo passò e la famiglia crebbe, insieme a molti altri felini. È arrivata Banguela, nera, anche lei paraplegica, ma frutto di un pestaggio. Così è arrivato anche Thor, che ha solo un piccolo occhio, narici e labbra leporate. Denise e Amora, che hanno problemi di mobilità.

Bellissimo felino paraplegico è un esempio di superamento e persino di stelle sulla copertina di un libro 23
Thor, Denise, Paçoca e Banguela (archivio personale Simone Gatto)

Simone ha deciso di concentrare la sua vita sull’aiutare gli altri, siano essi gattini, cani o umani. Ha infatti realizzato un libro di fotografie, dove il protagonista della copertina è una persona familiare: La bella Paçoca.

Bellissimo felino paraplegico è un esempio di superamento e persino di stelle sulla copertina di un libro 25
Copertina del libro Paçoca Gatto e Cia – Different e Felizes

Il 50% del ricavato del libro va direttamente a beneficio degli animali bisognosi, oltre ad aiutare con l’inclusione, l’ispirazione e il senso di lotta per le persone con disabilità. Vuole anche incoraggiare l’adozione di animali con abilità diverse.

“Mi sono reso conto che questo universo di animali disabili ha pochissima pubblicità e diversi veterinari indicano l’eutanasia nei casi con alte possibilità di guarigione. Così ho imparato tecniche e trattamenti per rendere meravigliosa la vita di questi esseri speciali. Ci sono molti modi per aiutare questi animali domestici “.

–Simone fa notare ai media locali–

Indubbiamente, sono animali molto inclusivi, tanto da aver addirittura motivato la creazione di una legge per consentire il trasporto di animali guida nella metropolitana di San Paolo (Brasile).

Bellissimo felino paraplegico è un esempio di superamento e persino di stelle sulla copertina di un libro 27
Ademir Fheliz

Ademir Fheliz e altri fotografi sono stati incaricati di ritrarre la bellezza di Paçoca, per dare vita al magnifico libro in cui è protagonista. Da notare che questo felino si muove grazie all’installazione di un dispositivo con ruote, che gli permette di camminare, divertirsi e correre senza grossi problemi.

Nonostante non abbia un corpo “perfetto”, per i noiosi stereotipi tradizionali, questo bianco peloso è piuttosto una bellezza. I suoi occhi con l’eterocromia gli danno un tocco speciale e unico, blu e giallo-verde.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));