• L’influenza di ansia nel sesso non è qualcosa di puramente psicologico, ma anche biologico.


  • “Alla fine mi è andato in loop e mi sentivo orribile, in quanto mi ha anche dato una paura che il mio partner sarebbe sentono rifiutati”

L’ansia è un’emozione che è del tutto normale. Tutta l’esperienza a un certo punto nella nostra vita, per esempio, prima di un esame o di un appuntamento importante. Il problema sorge quando l’ansia diventa o sproporzionato, o troppo persistente e invadente. Questo è ciò che è noto come ansia patologica.

Quando immaginiamo una persona con ansia patologica, i sintomi che veniamo di testa sono il tipico: palpitazioni, iperventilazione o la sensazione di annegamento. Sì, è comune a sperimentare queste sensazioni, ma l’ansia comprende molti altri sintomi, come, per esempio, il deterioramento della vita sessuale.

Il sesso e l’ansia: un rapporto complicato

La prima cosa avete bisogno di sapere, per capire il rapporto tra l’ansia e il sesso, è quello che parte del nostro corpo, controlli di ciascuno di questi.

In primo luogo, diamo un rapido tour attraverso il nostro sistema nervoso:

Il sistema nervoso centrale è il cervello e il midollo spinale. Vale a dire, il cervello di tutta la vita, e la raccolta di fibre nervose che si trovano all’interno della nostra colonna vertebrale.

In aggiunta al sistema nervoso centrale, abbiamo quello che viene chiamato sistema nervoso periferico. È chiamato così perché è fuori di testa.

All’interno del sistema nervoso periferico si possono trovare due piccoli sottosistemi che siamo sicuri farà sembrare: il sistema nervoso simpatico e parasimpatico sistema. Qual è la funzione di questi sistemi? Beh, in pratica, il controllo dei nostri organi periferici: l’apparato digerente, la frequenza respiratoria, frequenza cardiaca, della vescica…

Il sistema nervoso simpatico attiva gli organi. In contrasto, il sistema nervoso parasimpatico, rende i processi di disattivazione per risparmiare energia. Pertanto, essi sono opposti e si inibiscono a vicenda. Quando uno si mette a posto, l’altro è spento.

Questa piccola lezione di biologia ci permetterà di capire perché l’ansia e l’eccitazione sessuale sono così male:

  • L’ansia è controllata dal sistema nervoso simpatico, che è incaricato di dare palpitazioni, hiperventiles o in sudori freddi.
  • Aspetti di come il sesso l’erezione o la dilatazione del clitoride sono controllate dal sistema nervoso parasimpatico, che è responsabile per rilassarsi e godere.

Pertanto, l’influenza di ansia nel sesso non è qualcosa di puramente psicologico, ma anche biologico.

Come funziona l’ansia di sesso psicologicamente?

Sappiamo già l’influenza biologica di ansia in risposta sessuale, ma come vivere davvero questo problema? Lucia, 25 anni ragazza con ansia, è la persona giusta per rispondere a questa domanda.

“Era stato dal marzo dal 2018 con ansia, ma non è stato fino a Natale dello stesso anno, quando mi sono reso conto di quanto stavo male e avevo bisogno di cercare un aiuto professionale. Nei giorni precedenti la prima sessione con il mio psicologo, sono arrivato ad avere fino a 4 attacchi di ansia in un giorno”, dice. Con il tempo e grazie al suo sforzo e con l’aiuto del suo psicologo, ha iniziato a identificare le situazioni o pensieri, che gli attacchi di ansia.

Tuttavia, è stato nel 2020 quando iniziarono le difficoltà sessuali regno. “Nel mezzo di quest’anno ho notato che ho iniziato a colpire con il sesso. Sono stato colto di sorpresa, perché io già mi ha visto molto bene emotivamente e pensare che io ho fatto un ciclo: nei miei momenti peggiori che ho avuto non è andato, così Non capivo perché ero così spento quando presumibilmente Ero già molto meglio e che il pensiero è così ricorrente che ho generato ansia e il fatto che mi capita molte volte di più”.

“Mi sono trasferito fuori città, sono andato a vivere con il mio compagno, ho lasciato un lavoro senza avere altro in mente… ho Sentito che avevo il controllo su tutto, ma alla fine, era inevitabile sfruttare da qualche parte. L’incertezza è finita per me l’autostima e mi ha portato a non voler o sentire desiderata,” ha detto. “La pandemia già finito”.

“Sono entrato in un loop e mi sentivo orribile, in quanto mi ha anche dato una paura che il mio partner sarebbe sentono rifiutati”

Quando ho chiesto a lui per il modo in cui l’ansia colpisce i loro rapporti sessuali, Lucy è chiaro: “è stata Sempre la stessa sensazione: la mia testa ha voglia di fare sesso, ma il mio corpo non reagisce a quello stimolo. E poi la mia testa gettata all’indietro,” confessa.

“Stavo cercando di non riconoscere e non pensarci. Tuttavia, più impegno, più consapevole, egli era di si, che mi ha portato a dover interrompere a metà. Questo mi ha portato a sentire fatale di non essere in grado di seguire. Alla fine sono andato in loop e mi sentivo orribile perché avevo paura che il mio partner sarebbe sentito rifiutato.”

Come funziona l'ansia di sesso? 4

Per uscire da quel circolo vizioso, è stato fondamentale il supporto del suo fidanzato. Spesso infravaloramos il ruolo che i nostri partner di giocare in problemi di sesso, ma la comunicazione è fondamentale per trovare soluzioni. “La verità, che il mio partner mi ha sostenuto dal primo momento e che è stato gradualmente mi aiuta a superare. Ogni volta che si fermava a metà strada e ho iniziato a piangere; egli mi ha abbracciato, mi ha detto che nulla era sbagliato, e ho cercato di raccontare come mi ero sentita così che ho potuto standardizzare”.

La comunicazione con il partner, è anche essenziale per non provano vergogna o trattare la situazione come un tabù. “Mi ha aiutato molto a parlare con i miei amici perché il commento a voce alta e di vedere me avvolte mi sentivo molto più normalizzata”.

I problemi sessuali sono più comuni di quanto pensiamo

Tra il 40 e il 50% della popolazione non ha mai sperimentato una disfunzione sessuale e ha bisogno di un aiuto professionale per superare. È importante sottolineare le parole ” un aiuto professionale, perché la percentuale di persone che hanno subito una qualche forma di difficoltà che non raggiunge la soglia del patologico è ancora maggiore. In altre parole, tutti a un certo momento abbiamo avuto problemi in campo sessuale regno.

Come funziona l'ansia di sesso? 5

Se ciò accadeil primo passo è quello di accettaree di capirlo e di non nascondere o culpabilizarnos a noi stessi o ai nostri partner. “Che cosa mi ha aiutato molto è stato per dare la priorità a toccarla e la masturbazione rispetto al sesso con penetrazione. Se poi ci si è arrivati bene e, se non, anche. E, soprattutto, di presumere che, se succede, è successo, e che è qualcosa di completamente normale. Qualsiasi aspetto può influirnos emotivamente e ci riguardano sessualmente in diverse intensità e diverse questo non significa che improvvisamente non ci piace il sesso o non potremo attrarre l’altra persona.

Nel caso In cui le difficoltà rimangono, è ideale per chiedere un aiuto professionale di uno psicologo specializzato o in ansia, o in sessuologia. Alla fine, ogni caso è un mondo, e vi sarà un esperto che possa consigliare e dare le linee guida per gestire la situazione.