Con le lacrime e senza parlare i manifestanti impediscono alle persone di comprare carne. Non è cibo, è violenza 1

Con le lacrime e senza parlare i manifestanti impediscono alle persone di comprare carne. Non è cibo, è violenza

vestita di nero, volevano piangere il modo in cui questi animali da fattoria meritano. Nessuno li vede altra funzione che essere trattati come cibo.

Sempre più persone stanno diventando consapevoli del consumo animale, non c’è nessuno che non abbia accesso alle prove di abusi che ricevono prima di essere insaccati in piccoli imballaggi di plastica.

Dieta povera, iniezioni ormonali e l’obbligo di riprodursi più di quanto il vostro corpo normalmente fa sono solo alcune delle calamità.

Youtube / Delta Wolfpine

Ecco perché centinaia di persone si riuniscono in tutto il mondo per portare il loro messaggio, vogliono dimostrare che non c’è bisogno di uccidere esseri viventi per nutrirsi. Questo è stato il caso di un supermercato di Auckland, Nuova .

Con la bocca sigillata con nastro adesivo e con cartelli che dicevano “Smettila di mangiare animali” e “Non è cibo, è violenza”. Hanno cercato di sensibilizzare gli acquirenti al dipartimento della carne.

Con le lacrime e senza parlare i manifestanti impediscono alle persone di comprare carne. Non è cibo, è violenza 3
Youtube / Delta Wolfpine

La sua protesta è stata girata e postata su Youtube e anche se alcuni hanno applaudito il loro coraggio, altri li hanno ripudiati e trattati come un fastidio.

Con le lacrime e senza parlare i manifestanti impediscono alle persone di comprare carne. Non è cibo, è violenza 5
Youtube / Delta Wolfpine

“Esci dalla mia faccia. Sono arrabbiato perché tu sei qui, anche nel mio supermercato, quando compro il mio cibo. Mi disgusta”è stata una delle cose che si potevano sentire in sottofondo. La capogruppo Anna Rippon ha insistito sul fatto che la protesta era pacifica e così ha continuato.

“Siamo qui in una protesta pacifica per le vittime che non vengono viste o ascoltate a porte chiuse e che giacciono morte dietro di noi”.

-Anna Rippon

Dopo aver lasciato il suo messaggio, i protestanti decisero di lasciare tranquillamente dicendo slogan come “mangiare il risultato dell’aggressione”, tra gli altri. Uno dei membri ha dichiarato che il modo in cui la muscolatura è esposta è più estremo di qualsiasi protesta fatta da loro.

Con le lacrime e senza parlare i manifestanti impediscono alle persone di comprare carne. Non è cibo, è violenza 7
Youtube / Delta Wolfpine

Secondo un portavoce del supermercato, si impegnano per il benessere degli animali, oltre a forniscono prodotti vegani e vegetariani di qualità in modo che tutti possano scegliere ciò che vogliono.

Con le lacrime e senza parlare i manifestanti impediscono alle persone di comprare carne. Non è cibo, è violenza 9
Youtube / Delta Wolfpine

Nonostante la chiamata alla polizia, non ci sono stati grossi disagi e sono venuti fuori per chiarire che uccidere animali a proprio vantaggio non è giusto. Con una persona che lo capisce, inizia un cambiamento che può essere globale.

Controlla anche

21 Tatuaggi ispirati ai cartoni animati di Cartoon Network 14

21 Tatuaggi ispirati ai cartoni animati di Cartoon Network

I tatuaggi sono l’arte che amiamo e le nostre mamme odiano, eppure siamo abbastanza coraggiosi …

Trucco per chi non vuole vestirsi ad Halloween 15

Trucco per chi non vuole vestirsi ad Halloween

L’essenza di Halloween può essere riassunta in quattro cose: film horror, dolci, mamma che ci …