• “Ci sono cose che danno più calore di una maschera”, che ricorda da parte della Comunità di Madrid


  • Ore dopo hanno pubblicato un nuovo video in cui si ha ringraziato i giovani di tutto quello che fate per la cura per gli altri

“Proteggi te stesso, proteggere noi”è la richiesta che ha la Comunità di Madrid per il giovane. Stiamo assistendo ad aumentare ogni giorno il numero di infettati da coronavirus e come le figure simili a quelli dei primi giorni di stato di allarme, e non possiamo stare a guardare. Se è vero che il virus è là fuori ed è all’interno della gamma normale avere un certo numero di infezioni a causa di epidemie non scompaiono come per magia, alcune delle scene che stiamo vedendo in media ci fanno pensare che tutto questo è colpa nostra come una società: non siamo in grado di soddisfare quattro standard. Lavare le mani, mantenendo la distanza di sicurezza, indossare una maschera in luoghi pubblici e chiamare il centro di salute se si hanno sintomi.

Nessuno di noi chiede per entrambi, anche se è comprensibile che siamo stanchi, stufi, o si inizia a notare gli effetti collaterali della prima ondata. È logico sento il bisogno di “staccare dal coronavirus”, che è estate, abbiamo bisogno che le cose siano come prima; ma la più logica è quella di essere consapevoli della realtà che stiamo vivendo e essere responsabile. È chiaro che il virus non quello che stiamo andando a superare a breve termine, perché il virus, si vincono con la scienza, ma si può fare che l’impatto è minore. E siamo solo a soddisfare i quattro standard sopra elencati.

Per questo motivo, sia dai media e dalle istituzioni non si ferma, e ci ricorda l’importanza dei singoli atti. Perché la cosa peggiore di questo virus è che da una disattenzione di una persona può ottenere un altro. Questo non è colpa di nessuno, o scegliere qualsiasi collettiva (come è stato fatto con la comunità gay durante la parte peggiore dell’epidemia di HIV), si tratta di ricordare tutte le volte che dobbiamo proteggere noi stessi singolarmente e per proteggere gli altri.

La campagna della Comunità di Madrid, mira a richiamare l’attenzione dei giovani

La Comunità di Madrid è stato uno dei più colpiti nella prima ondata della pandemia. Solo in questa provincia sono stati registrati più di 8.400 morti, e in questo momento ci sono più di 25 i flare-ups sono attivi nella regione. Per questa ragione, dal momento che l’istituzione ha voluto fare una campagna di sensibilizzazione per i cittadini, sotto lo slogan “Proteggi te stesso, proteggere noi”.

Nel video vi capita di immagini di alcuni luoghi della vita quotidiana della vita quotidiana di ogni persona al di fuori della temperatura: “il Tuo pavimento in estate, 32; birre con gli amici, 30; discoteca, 28”. Questa campagna è rivolta ai giovani, che ha trascorso settimane sotto i riflettori per il flare-ups in festival e club. E che, secondo l’analisi epidemiologica pubblicata dall’Istituto di Salute Carlos III, persone tra i 15 e i 29 anni sono il gruppo di età più colpite nelle ultime tre settimane.

“Ci sono cose che danno più calore di una maschera”, scritto dall’account Twitter della Comunità di Madrid. Ed è che alcune persone si lamentano (anche resort virale ¡Habeas corpus, già!) la maschera in estate è un inferno. Ed è chiaro che non è la cosa più confortevole del mondo, ma visto che siamo tutti adulti per capire che se, per ora, è l’unica soluzione che c’è (in combinazione con il frequente lavaggio delle mani e la distanza di sicurezza) saranno rispettati.

Tuttavia, proprio tra i giovani c’è stato tutti i tipi di risposte, molti di loro non critico con il messaggio della campagna, ma con il modo in cui hanno scelto di comunicare.

Alcuni utenti di Twitter hanno ironizado sui luoghi più calda la tua casa in estate, come ad esempio la metropolitana nell’ora di punta, dove è impossibile per mantenere la distanza, o hanno criticato il fatto che la Comunità rivolge la sua critica verso i comportamenti dei giovani, mentre ancora non c’è un sufficiente numero di scansioni.

Un nuovo video di apprezzamento per i giovani di Madrid

Poche ore dopo la pubblicazione del primo video, la Comunità di Madrid ha appeso uno nuovo, questo tempo di grazie. “Anche se non avete notato, io sono sempre stato diffidente di voi”diciamo che questi giovani a madrid. “Quindi, non preoccupatevi, farlo di nuovo come numero di volte necessario”, finiscono dicendo.