• La ‘crociera’ è la tendenza in reti dopo Boris Izaguirre dovrà Broncano come ha spiegato la storia di Rosalie suo significato


  • Un libro ripercorre la storia degli incontri sessuali in luoghi pubblici di uomini omosessuali


  • Chema, Giovanni, Davide e Daniele discusso in Yasss perché la pratica di crociera e come è iniziato

Uno spazio intimo in un luogo pubblico. Può essere il bagni di un centro commercialeil arbusti di un parco o il dune di una spiaggia. Uomini a piedi, di volta in volta, post gli stessi sentieri. Il contatto visivo. Quando la cosa è reciproca, un gesto di mite con la testa. Come dire: seguimi. Gli uomini Gay hanno dovuto cercare storicamente modi di sviluppare la tua vita affettiva e sessuale ai margini della società. Una delle pratiche più comuni degli ultimi decenni è stato questo: la crocierail sessuale scambi anonimi e immediato tra estraneial riparo dai meandri di un mondo che ancora li perseguitavano.

In un momento in cui i bar e le discoteche e in applicazioni come Grindr, che ha già dieci anni, sembra essersi conclusa l’utilità di questi spazi, la crociera è affermato come una pratica storica. Un modello alternativo, e puramente gay, la ricerca di partner sessuali, che non imitare i modelli previsti dalla norma eterosessuale. Lo scrittore Alex Espinoza rivelando il patrimonio di questo fenomeno in Crociera. La storia intima di un hobby radicale”.

Carlos Valdivia, il traduttore dell’opera in lingua spagnola per la casa editrice Due baffi, ritiene che “per gran parte della nostra esistenza come individui e come comunità (anche nel presente di alcuni paesi), i nostri rapporti sexoafectivas sono stati banditi o punito. La crociera è servito come mezzo di fuga per molti uominicerca di avere rapporti sessuali con altri uomini, come coinvolgere i legami di amicizia o di coppia. In un certo senso, ci ha aiutato a vivere in ambienti in cui abbiamo negato l’esistenza”.

Un uomo al di fuori della norma non può trovare soddisfazione afectivosexual in scena gay

Norme in crociera

Alla ricerca di intimità alle spalle di una società che non ha capito, la comunità gay ha generato le proprie regole per la crociera, alcuni sofisticato come un sistema di colorato sciarpe che, in base a dove e come prendere, indicato una preferenza sessuale o altro. “Attualmente, dal punto di vista di un uomo gay che vive in una città occidentale, la crociera ha perso quel significato, ed è diventato un feticcio, un’altra pratica sessuale più”, ha detto Valdivia, “anche se in molti paesi, mantiene ancora sfumatura di fuga o di l’unico modo possibile per un desiderio afectivosexual”.

Avete lo stesso senso per gli omosessuali 2020 la pratica di crociera? Valdivia sottolinea che “un tempo a questa parte, la comunità gay ha iniziato a mettere in atto comportamenti normativistas, ed è qui che la crociera è sovversivo o dissidente: un uomo al di fuori della norma non può trovare soddisfazione afectivosexual in scena gay (in cui c’è già una regola che riguarda il corpo e il sesso), ma sì che si può ottenere in un ambiente di crociera, dove non esistono filtri o standard”.

Il libro ‘di Crociera, la storia di un passatempo radicale” Alex Espinozayasss.è

“Le nuove tecnologie”, continua, “sono stato un cambiamento nel nostro modo di vedere il mondo, tra cui il sesso con gli sconosciuti. Per me, le applicazioni di sesso gay non rientra all’interno del più tradizionale concetto di crociera, ma che promuovere alcune norme e la tossicità tra l’atmosfera omosessuale”.

Chema, Juan, David e Daniel pratica di crociera

Chema è nato nel 1965. La sua adolescenza, che è stato sviluppato nel decennio degli anni ottanta a Madrid, ha poco a che fare con revisitaciones corrente ‘Chiamami con il tuo nome‘.

“Nel luglio del 1981 avevo 15 anni. Mia madre è nata durante un viaggio a Vigo. Siamo andati a vedere la sua via alla stazione Príncipe Pío e, come sempre, sono andato a servizi. C’era stato un movimento che ha catturato la mia attenzione e ho capito che questo era il momento e il luogo per iniziare l’esplorazione.” Il giorno dopo è tornato, per “ottenere una migliore comprensione di quello che stava accadendo. Tutti i seguenti corsi Mi sono dedicato al tema dell’praticamente ogni sabato e domenica pomeriggio. Ho pensato che se quello che stava succedendo in là, la stessa cosa dovrebbe accadere in altre stazioni. Si incontrano persone, si ha anche dato indizi in altri luoghi e con che stavi andando a fare la mappa di navigazione”.

Crociera che cosa è? quattro uomini spiegare perché sono praticati 4

In un momento in cui le alternative per soddisfare altri omosessuali erano scarse, i luoghi di crociera erano frequentati da “ragazzi, me compreso, che se la cosa era andato abbastanza bene, mettere in una conversazione. A volte è venuto lì, il ” qual è il tuo nome?, le altre volte che è andato prima del sesso. E se la conversazione successiva e il sesso era stato piacevole, in quanto è in grado di passare i telefoni o citato per un altro giorno. Io ho reso noto che ho visto in diverse occasioni, se è vero che un paio di quei tempi, non prevedono il contatto sessuale. C’erano anche alcune persone, di solito più anziani, che chiaramente aveva conosciuto l’altro per un lungo periodo di tempo e si dovrebbe vedere a chiacchierare tra di loro. Erano in pochi e si è verificato solo in siti di crociera e grandi discreta”.

Anche se considerato che questa pratica “ha molta meno forza rispetto a 40 anni fami sembra che hai ancora il tuo spazio sul set dei modi di relazione tra i gay. Ovviamente non può più essere un genitore sito, come lo era decenni fa.” Per David, un “frocio nato nell ‘ 85 a Oviedo”, le opzioni per incontri sessuali erano molto bassi. “C’era la chat, con i suoi pericoli, il bar dell’ambiente (Oviedo è molto piccolo, e di entrare in un bar gay era quello di uscire allo scoperto, perché sapevano tutto, e di essere omosessuale era molto più stigmatizzata) e di crociera: l’ultimo è stato più diretto, più reale e, a mia sorpresa, più anonima”. Non si considera “più sordido di andare in sauna o stare con qualcuno attraverso Grindr per il sesso. Posso capire che lo scenario può sembrare squallido, ma ovviamente è una zona di crociera richiede caratteristiche molto specifiche”.

Il fattore principale che mi attrae è la stranezza di sesso in spazi aperti

Giovanni, che è vecchia di 30 anni, è stata “scoperta la crociera in un modo del tutto naturale. Sapevo che esisteva, ma non aveva pensato di andare a farlo. Un lungo viaggio, passando per la stazione degli autobus, ho preso a masturbarsi in bagno (erano tutti con il fermo rotto e con i fori nelle cabine che si poteva vedere). Un signore le aprì più volte la porta, anche se ho chiesto a lui. Dopo quell’esperienza, ho capito che mi aveva eccitato. Quindi, qui ad Alicante, dove io vivo, sulla spiaggia nudo ho visto un uomo masturbarsi e mi sono avvicinato. Mi è piaciuto quello che è successo. Da lì, ho iniziato a cercare esperienze simili sia nelle spiagge e nelle aree di sosta, che sapevo essere praticata. Il fattore principale che mi attrae è la stranezza di sesso in spazi aperti”.

L’affetto è un tabù nella maggior parte degli incontri

Grato per questa pratica, il fatto che non si sente “di tante aspettative. Ho la sensazione che la crociera è tutto a posto. Da masturbarsi mentre l’altra persona solo cercare di avere la penetrazione, ma non c’è alcun obbligo di effettuare qualsiasi pratica specifica. Quando non si vuole di più, si può andare anche non avendo raggiunto chiunque a raggiungere l’orgasmo. Nello spazio privato, mi sento molto più obbligo di adempiere e rispettare certe pratiche che, come minimo, portare all’orgasmo. Poi, naturalmente, in crociera c’è meno la comunicazione verbale e l’affetto è un tabù nella maggior parte degli incontri”.

Crociera che cosa è? quattro uomini spiegare perché sono praticati 5

Per Daniel, che vive a Berlino (capitale del mondo di crociera, dove ci sono un sacco di posti dove è praticato), questi spazi hanno giocato un ruolo importante nel suo sviluppo sexoafectivo. Scoperto in modo casuale “una volta stavo facendo un congiunto in una toilette del bagno della stazione Príncipe Pío a Madrid. Qualcuno nella cabina accanto cominciato ad ottenere la scarpa sotto il muro che li divide e quello che ho scoperto è che ho avuto un controllo che aveva solo è riuscito a sentire, in pratica, non dei regolamenti come il dominio.”

“Quando avevo 17 anni mi è stato aggredito sessualmente”, continua, “e da allora non era stato in grado di sentire e di sicurezza sufficiente per soddisfare qualsiasi tipo di uomo. Ma la crociera è il modo in cui ho avuto a che fare sesso e, se qualcosa non andava, il potere di gridare o correre fuori dalla cabina per il bagno. E ‘diventato il mio modo di relazionarsi sessualmente”. Tra le necessità del passato, e la sovversione dei modelli che sono stati standardizzati, la crociera cammina e cammina di nuovo tutta la storia della comunità gay. In silenzio, cercando in ogni altri occhi. Seguire me.