• Sapevi che è comune avere la diarrea durante le mestruazioni? Spieghiamo il motivo per cui questo accade


  • Sebbene sia comune provare un leggero disagio a causa delle contrazioni uterine, un forte dolore durante le mestruazioni può essere associato a una malattia

Mentre le mestruazioni È qualcosa di naturale che accade a metà della popolazione, c’è un alone di misticismo intorno a loro. Spiegano il ciclo mestruale durante le lezioni di biologia ei tuoi genitori, in particolare tua madre, ti danno un breve riassunto di cosa significa avere un ciclo. Tutto il resto lo stiamo imparando per tentativi ed errori.

Anche tra amici che abbiamo imbarazzo quando si parla di mestruazioni, soprattutto durante l’adolescenza. Per studiare ulteriormente il tabù della regola, l’app per la salute delle donne Clue ha intervistato 90.000 utenti provenienti da 190 paesi. Hanno scoperto che abbiamo usato più di cinquemila eufemismi riferirsi alle mestruazioni come, ad esempio, “essere malati”, “quei giorni del mese” o “la settimana rossa”. Perché nominare un evento biologico è così spaventoso?

Come possono le mestruazioni essere ancora tabù?Pexels

Questa paura è estrema in alcune parti del mondo, come l’Afghanistan. Ci sono le mestruazioni un motivo di disonore Ed è per questo che le donne non ne parlano mai e durante la settimana del ciclo non fanno la doccia, saltano le lezioni e non chiedono farmaci se soffrono.

Per fortuna in Spagna la situazione è migliore, ma anche così tante volte siamo vittime della vergogna, ingrediente ideale per far emergere la disinformazione. Ecco perché abbiamo compilato Cinque fatti sulle mestruazioni che potresti non conoscere (perché nessuno te l’ha detto prima).

1. È comune avere la diarrea durante le mestruazioni

Se le mestruazioni sono un tabù, aggiungi la questione escatologica all’equazione. Ma, sebbene l’argomento non sia discusso, durante il periodo praticamente tutte le donne soffrono di diarrea.

La ragione? Quello durante la settimana del periodo il nostro corpo rilascia più prostaglandine. Queste sostanze hanno una funzione molto importante: far contrarre l’utero in modo che espelle i resti dell’endometrio, cioè il sangue mestruale. Tuttavia, le prostaglandine possono anche causare movimenti nell’intestino.

2. Fare sesso, sì o no?

Secondo uno studio dell’app Clue e del Kinsey Institute, L’85% delle donne evita di fare sesso con la penetrazione durante la regola. Come se questa cifra non fosse allarmante, il 21% di queste donne rifiuta qualsiasi contatto sessuale (genitale o meno) durante la settimana delle mestruazioni.

Nonostante questi dati, fare sesso durante il ciclo può essere molto utile.

  • I tuoi ormoni ti fanno essere più eccitato.
  • Gli orgasmi possono causare uno stato di rilassamento muscolare che può migliorare vaginali e mal di testa.
  • Il sangue agisce come un lubrificante naturale.
  • Durante il sesso si verificano contrazioni vaginali molto intense, accelerando l’espulsione dell’endometrio e accorcia le mestruazioni.

3. Sei ancora a rischio di gravidanza

Probabilmente hai imparato durante le lezioni di biologia che, affinché si verifichi una gravidanza, l’uovo deve essere stato rilasciato dalle ovaie. Questo evento è noto come ovulazione e dura tra le 12 e le 24 ore. Tuttavia, non tutto è così semplice e rigoroso come in teoria.

Per iniziare, l’ovulazione non si verifica sempre nello stesso periodo del mese. Il ciclo mestruale può cambiare molto nella stessa persona a causa della dieta, dello stress o del peso. Anche nello stesso ciclo mestruale puoi rilasciare due uova contemporaneamente, raddoppiando le possibilità di rimanere incinta.

Come se non bastasse, lo sperma può vivere fino a cinque giorni nell’utero.

In breve, evita le paure (e le malattie sessualmente trasmissibili) usando il preservativo.

4. Il dolore mestruale non è sempre normale

Come abbiamo visto prima, durante le mestruazioni si verificano contrazioni nell’utero per provocare distacco dell’endometrio, che è uno strato che copre l’utero e che sarà responsabile del sanguinamento. Queste contrazioni sono simili a ciò che accade durante il travaglio, ma in modo molto più lieve. Ecco perché durante la regola potresti provare alcuni dolori.

regola del dolore

Il periodo deve far male?Cordon Press

Le contrazioni possono essere più o meno intense a seconda della donna e del suo livello di prostaglandine. Anche la tolleranza al dolore gioca un ruolo.

Tuttavia, un disagio molto grave può indicare un problema di salute, ad esempio, endometriosi.

L’endometriosi è una malattia cronica che colpisce il 10% delle donne tra i 15 ei 45 anni. Si verifica perché l’endometrio non solo riveste l’utero, ma anche altre aree come le tube di Falloppio, le ovaie e la vescica.

Alcuni sintomi sono a difficile da tollerare il dolore nell’utero e nella parte bassa della schiena, sanguinamento molto intenso e fastidio durante i rapporti sessuali.

Se il tuo ciclo è molto intenso e doloroso, vai da un ginecologo.

5. La salute mentale influisce sul ciclo

Qualcosa che potresti non sapere è l’influenza di preoccupazione e tristezza nel tuo ciclo mestruale.

Per capire questo processo, devi prima conoscere tre ormoni:

  • Il cortisolo, associato a stress, ansia e depressione.
  • Il ormone che stimola i follicoli e il ormone luteinizzante, responsabile del ciclo mestruale, scorre senza intoppi.

È interessante notare che il rilascio di questi tre ormoni è controllato dalla stessa area del cervello: l’ipotalamo.

Quando sei molto stressato o la tua salute mentale è in cattive condizioni, il cortisolo può salire alle stelle, inibendo l’ipotalamo. Ecco perché il ciclo mestruale è alterato e il tuo ciclo mestruale soffre di irregolarità. In altre parole, se sei in ritardo di un giorno e sottolinei di essere incinta, molto probabilmente le mestruazioni impiegheranno ancora più tempo per arrivare.

Lo stress può influire anche sulla fertilità, poiché gli stessi ormoni che producono il ciclo sono quelli che ti fanno ovulare. Questo è il motivo per cui è così importante rilassarsi ed evitare qualsiasi stimolo di ansia se si vuole rimanere incinta o, come abbiamo appena detto, evitarlo a tutti i costi.