Da Fotolog a TikTok: un decennio di utilizzo dei social network 1

Da Fotolog a TikTok: un decennio di utilizzo dei social network


  • Un piccolo viaggio nel tempo per vedere come comprendiamo ora i social media


  • Alcuni non hanno avuto modo di conoscerli tutti e altri sono cresciuti con loro: ecco come i social network sono cambiati in un solo decennio

“Alla porta del sole, come l’anno che fu… Ogni capodanno non si può perdere il classico “Un anno in più” di Mecano, perché, nonostante la velocità dei tempi, alcune cose non cambiano mai.

Quello che è cambiato, e molto, è il modo in cui ci relazioniamo l’un l’altro attraverso i social network. Se il decennio che abbiamo abbandonato è stato accolto scrivendo il testo della canzone di Ana Torroja e dei fratelli Cano nei nostri stati MSN Messenger, ora abbiamo aperto l’anno con una bella coreografia in TikTok.

Fotolog, Facebook, Tuenti… In Yasss passiamo in rassegna tutti i social network che hanno segnato l’ultimo decennio (e sicuramente un po’ anche la tua vita):

Fotolog

Un’intera generazione ha fatto il suo debutto sui social network con Fotolog, il cui funzionamento sembra ormai vecchio quanto la Signora di Elche: era un sito web dove si creava un profilo e si permetteva di caricare una foto al giorno (solo una!) e ricevere la fino a 20 commenti. In effetti, c’era anche un limite ai commenti. Anche se, fatta la legge, ha fatto la trappola: la gente ha copiato e incollato insieme diversi commenti per cancellarli e lasciare spazio. Al giorno d’oggi, le ‘foto carine’, che nessuno sapeva da dove venissero, sono già pura archeologia digitale.

Facebook

Ora sembra uno scherzo, ma c’è stato un tempo in cui avere Facebook era cool. C’erano persino dei badge (un altro fenomeno che per fortuna è passato di moda) che dicevano “cercami su Facebook”. Eravamo giovani e innocenti. Abbiamo imparato ad etichettarci nelle foto, a sollecitare amicizie e ad evitare i familiari che ti aggiungerebbero alle loro fila. Abbiamo anche impazzito creando gruppi e pagine, come quei mesi di gloria delle ‘Signore che…’.

Senza rendersene conto, in un paio d’anni le nostre madri hanno avuto Facebook e siamo cresciuti tutti insieme. I social network non erano più solo per i giovani all’avanguardia. I commenti di tua zia Agustina dal villaggio nella tua foto di laurea sono stati gli ultimi che hai controllato. RIP Facebook.

Tuenti

La risposta della Spagna a Facebook ha aperto gli occhi a tutti noi che vi abbiamo partecipato. Se i limiti di Fotolog ci hanno fatto calcolare bene quello che abbiamo messo, quando e come, con Tuenti si è scatenata la follia totale. Abbiamo iniziato a passare le nostre ore morte ad aspettare le notifiche, a cercare amici, a commentare le foto scattate con la piccola macchina fotografica da 3 megapixel portata dai Re Magi. Ancora oggi, alle porte di certe discoteche “leggere”, si sentono psicofonie che dicono chiaramente “foto Tuenti!” quando si riuniscono più adolescenti.

Twitter

All’inizio abbiamo trovato un po’ difficile capire come funziona questa piattaforma: abituata ai blog o agli stati di Facebook, la condensazione dei messaggi in 140 caratteri (poi ampliata a 280) non sembrava naturale. Ma alla fine Twitter ha trovato la sua strada, finché non è diventato strumento chiave per la circolazione delle informazioni su Internet. Oggi misuriamo il successo nei temi di tendenza e riesaminiamo i presidenti di governo, che utilizzano la rete per le loro comunicazioni ufficiali.

Twitter è diventato la piazza digitaleLe rivoluzioni di questo decennio sono state create, diffuse e contrattaccate attraverso questi brevi messaggi. Il 15M, la primavera araba o le recenti proteste in Cile non sarebbero comprese senza l’influenza di questa rete, ma nemmeno le vittorie di Trump negli Stati Uniti o Bolsonaro in Brasile. Twitter ha permesso a chiunque di avere voce, ma ha anche creato uno stato di continua sovrainformazione che rende sempre più difficile distinguere la realtà dalle notizie false.

Da Fotolog a TikTok: un decennio di utilizzo dei social network 2

Tumblr

È diventata una delle reti con il maggior numero di utenti al mondo, ma nella sua ricerca di posizionarsi come uno spazio più familiare ha perso gran parte della sua essenza: l’anno scorso la piattaforma ha eliminato tutti i contenuti erotici e sessuali, e con essa ha cessato di essere rilevante. Ma prima di questo cambiamento (a cui presto si aggiungerà Twitter), Tumblr è diventato il luogo dove un’intera generazione ha imparato a mettere in relazione il proprio corpo con i contenuti digitali. Tumblr è stato il primo luogo dove molti utenti hanno osato condividere i nudi, trasformandolo in una vetrina di corpi diversi. Le correnti femministe e queer hanno trovato qui uno strumento potente per far evolvere i loro discorsi.

Naturalmente, non tutto in Tumblr era legato al fisico: letteralmente tutto ciò che si può immaginare ha una pagina web. Dalle copertine degli album con protagonisti i gatti agli orribili neonati del Rinascimento, Tumblr è il luogo dove conservare tutto ciò che può essere conservato. Comprese le cotte di 150 anni fa.

TELAIO_trumbl

Instagram

Nasce proprio nel 2010, e raggiunge il 2020 come la regina dei social network. Instagram è il luogo in cui viviamo una buona parte della nostra vita digitale: aspiriamo ad essere ciò che mostriamo in essa, al punto che ci sono già diversi studi che analizzano come questa rete influenza la nostra salute mentale. La ricerca della validazione attraverso il come e l’equiparazione del nostro numero di seguaci all’autostima sono alcuni degli effetti della conquista totale di Instagram sulla nostra vita quotidiana. L’applicazione sta addirittura prendendo alcune misure al riguardo, come nascondere il numero di “mi piace” nelle foto, in modo da non sentirci così sotto pressione per competere in numero.

Da quelle prime foto con cornici e filtro Valencia alle storie che tutti noi pubblichiamo continuamente, Instagram è cresciuta e si è evoluta con noi nel corso del decennio. Con oltre un miliardo di conti attivi e oltre 500 milioni di utenti attivi al giorno, secondo il sito web della rete, Instagram ha offerto anche una nuova alternativa occupazionale. In un mondo dominato dall’immagine e dalla portata della rete, Instagram ha generato il proprio sistema stellare. Se essere una star di Fotolog non bastasse, avere un’influenza su Instagram è un business.

Da Fotolog a TikTok: un decennio di utilizzo dei social network 3

Snapchat

Spesso si dice che il buono, se breve, è due volte più buono. Il nostro idillio con Snapchat è stato fugace ma ha lasciato il segno. Abbiamo tutti imparato come sono fatte la bocca e le orecchie di un cane, e ci siamo abituati a qualcosa che non si era mai visto prima sulle reti: che il contenuto sarebbe scomparso. Proprio quando sembrava che tutto fosse stato inventato, il punto di differenziazione di questa piattaforma era proprio questo: le foto e i video sono scomparsi dopo 24 ore.

Questo ci ha fatto sentire disinibiti: in un mondo in cui l’immagine attenta di Instagram già regnava sovrana, il contenuto spontaneo e non compresso di Snapchat era un vero balsamo. Poi, come sapete, il pesce grande ha mangiato il piccolo e Instagram ne ha creato le storie, che hanno copiato il modello Snapchat. Ma niente potrà mai eguagliare quel filtro per cuccioli.

TikTok

Questo 2020 sarà certamente segnato da TikTok, il social network che i minori di 18 anni hanno fatto proprio. Con oltre tre milioni di utenti in Spagna, l’ex musical.ly ha aggiunto ai nostri contenuti gli strumenti del montaggio cinematografico. La capacità di tagliare le inquadrature e di sincronizzarle con la musica ha fatto sì che i suoi utenti esplorassero una creatività brutale. Condensando le storie in video molto brevi, non c’è dubbio che i tiktokers di oggi saranno i narratori di domani.

TikTok è anche un buon esempio del cambio generazionale nelle reti durante questi dieci anni. La maggior parte dei suoi utenti probabilmente non ha nemmeno mai sentito parlare di Fotolog. I nativi digitali non hanno dovuto imparare a usare le retiperché sono nati con loro. Ma come saranno queste piattaforme nel 2030? Cosa ci resta da condividere?

Da Fotolog a TikTok: un decennio di utilizzo dei social network 4

Controlla anche

Conoscere la tendenza dei tagli di capelli del 2020 7

Conoscere la tendenza dei tagli di capelli del 2020

Dicono che tutti i cambiamenti sono positivi ed è certamente vero, non importa quanto grandi …

Truccate il vostro trucco con ombre metalliche 8

Truccate il vostro trucco con ombre metalliche

Se stai diventando un maestro del trucco, probabilmente dovresti continuare a leggere questo. Hai ricordato …

I feed di Twitter mostrano che le persone stanno già invecchiando più lentamente 11

I feed di Twitter mostrano che le persone stanno già invecchiando più lentamente

Le persone oggi invecchiano più lentamente? Brandon McCarthy ha posto questa domanda ai suoi seguaci …