Identificati come “La Gorda y La Flaca”, si sono avvicinati al chiosco di pesche di una ragazza orfana mentre studiava. Gli hanno preso il cellulare dalle mani e sono fuggiti. Sono stati catturati e ora stanno aspettando ciò che decide il giudice.

C’è chi crede che di fronte alla necessità si possa anche commettere un crimine, ma la verità è che si capisce poco quando criminali intimidire contro a minore indifesa, in mezzo alla strada e mentre cerca di istruirsi. È difficile da credere, ma due donne nella città di Potosí, Bolivia, sono stati arrestati per aver rapinato una ragazza al mercato.

Kandire

Dopo una denuncia alla polizia, le indagini sono iniziate due donne che è passato Mercato di Chuquimia e ne approfittò per rubare. La sua vittima: a ragazza orfana che aveva una bancarella di pesche per strada, che frequentava mentre frequentava il suo lezioni online con un telefono.

Riconosciuto come “La Gorda e La Flaca”, si è avvicinato alle spalle della ragazzina di 11 anni mentre stava guardando il suo insegnante. Gli hanno preso il dispositivo dalle mani e sono fuggiti.

Due donne vengono arrestate per aver rubato il cellulare a una ragazza che frequentava lezioni virtuali. Andrà a processo 13
Polizia di Potosí

Descritte come donne di mezzo 25 e 30 anni per la bambina, non hanno trascorso molto anonimato prima di rivederli, essendo immediatamente detenuto e posto sotto inchiesta per furto e in attesa di a giudizio.

La vittima è nota nel luogo per essere orfana di padre e madre, avendo solo lei Nonna come una famiglia. In effetti, il cellulare apparteneva alla vecchia, che prestato in modo che non perdesse le sue lezioni e potesse continuare a studiare.

Entrambi vivono con ciò che è giusto, ecco perché già a 11 anni devono aiutare l’adulto più anziano a tirare fuori la piccola posizione che hanno e con cui si guadagnano da vivere.

Due donne vengono arrestate per aver rubato il cellulare a una ragazza che frequentava lezioni virtuali. Andrà a processo 15
Polizia di Potosí

Dopo aver appreso del fatto, la comunità e gli stessi agenti di polizia hanno evidenziato la volontà della bambina per aver voluto essere presente alla scuola, così le hanno dato un nuovo cellulare per entrambi. In questo modo, la nipote non solo potrà continuare a studiare tutti i giorni, ma avrà anche un modo efficace di comunicare tra loro.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));