• È passato quasi un anno da quando ho adottato Nancy (il mio gatto) e da allora la mia vita ha preso una svolta di 180 gradi.


  • Guadagnare la fiducia di un gatto non è un compito facile, abbiamo avuto molto tempo per conoscerci durante il parto


  • Quando sono nervoso o qualcosa mi preoccupa, il gatto se ne accorge in qualche modo e viene a trovarmi

Mentre scrivo questo, sento il gatto nancy, arrotolato in una palla sopra una scatola di cartone. Nancy ha il nome di una bambola e i polmoni del camionista. Quasi un anno fa, quando Nancy e io ci siamo trasferiti nella stessa casa (il giorno in cui è stato annunciato il primo stato di allarme e blocco), ci siamo guardati l’un l’altro con sospetto felino. Lei dal basso, ribelle e arancione come un mandarino; Io dall’alto, diffidente e piuttosto roseo. Oggi siamo inseparabili. Questo è ciò che Nancy mi ha insegnato su me stesso e sul mondo, attraverso l’amore e i graffi.

A differenza dei cani, che dal primo momento ti danno il loro affetto (come accade anche con gli estranei che incontri a un festival), la fiducia dei gatti va guadagnata. Io e Nancy ci evitiamo presto nella nostra vita insieme, come una coppia sull’orlo della rottura. Di tanto in tanto veniva ad annusarmi, soprattutto la punta delle dita, mentre mi fissava come se collegasse odore-viso-presenza. In pochi giorni, una volta che i nostri odori hanno permeato l’intera casa, Nancy si è sentita a suo agio con me. Non mi amava ancora, ma almeno mi tollerava.

Come stavo dicendo, abbiamo iniziato a vivere insieme il giorno in cui è stato dichiarato il blocco. Ciò ha reso la nostra convivenza totale. Siamo passati dall’essere estranei alla convivenza 24 ore su 24, come in un ‘Grande Fratello’ interspecie. Non so se questo abbia accelerato il processo di adattamento o se Nancy stesse pensando qualcosa del tipo: “Cosa fa questo ominide tutto il giorno a casa MIA?”

Nancy e ioyasss.es

Prima veniva a trovarmi di tanto in tanto. Mentre facevo le mie cose, battendo sui tasti del computer, ho sentito una presenza che mi osservava e probabilmente mi giudicava molto fortemente. Mentre mi chinavo al mio fianco, lei era lì, con i suoi enormi occhi verdi, che non si muoveva minimamente, come un sicario occidentale che sta per disegnare. La fissavo anche, in un duello verticale per vedere chi batteva le palpebre per primo, finché all’improvviso perdeva interesse e andava sul divano o sul letto a leccarle il culo. cura della pelle.

Un giorno senza voltarsi, Nancy ha scoperto il mio grembo. Mi è venuto accanto quando ero sdraiato e, dopo aver riflettuto un po ‘, mi è salito sopra. Si girò un paio di volte e si sdraiò sulla mia pancia. Io, immobile nella mia condizione di mobili morbidi e caldi, ho offerto la mia approvazione grattandogli la testa. E poi, come in un rituale magico in cui è stato finalmente trovato l’enigma che apre le porte della caverna, Nancy ha cominciato a fare le fusa. Da quel momento non si ferma.

Empatia e compagnia

Secondo la psicologa Ana Laura D’Agostino sul suo blog, Vivere con un animale ha molteplici vantaggi, sia fisici che emotivi. A livello fisico, “la pressione sanguigna si abbassa e la frequenza cardiaca viene regolata durante le situazioni di stress”, mentre, psicologicamente, “il supporto fornito da un animale domestico può rendere la persona si sente più rilassata e riduce lo stress, l’angoscia e l’ansia “.

Senza dubbio, l’azienda di Nancy è diventata uno dei pilastri su cui baso la mia quotidianità. È lì quando mi sveglio, quando vado a letto e quando non riesco a dormire. Quando sono nervoso per qualcosa, sembra che lo annusi e venga a trovarmi, per strofinarsi affettuosamente con le gambe miagolando come a dire “ehi, non è poi così male” (o forse “ehi, comprami una lattina di quelle facce”). Questo 2020 già finito, definito senza dubbio dal tempo che abbiamo trascorso a casa, sarebbe stato molto più complicato e molto più triste senza di esso.

Nancy e io

Nancy e ioyasss.es

E quando finalmente siamo stati di nuovo in grado di condurre una vita più normale, Nancy si è adattata senza problemi. Il vantaggio principale dei gatti rispetto ai cani è la loro indipendenza e le sue capacità di autogestione: Nancy potrebbe aver bisogno di me, ma si sforza di non darlo a vedere. Può passare l’intera giornata nascosta in un angolo o sotto una coperta, chiedendo nient’altro che un po ‘di cibo e acqua. Per questo motivo, forse i gatti sono più consigliati per le persone che cambiano gli orari e necessitano di flessibilità per poter viaggiare o prendersi qualche giorno di assenza per lavoro.

E sì, i gatti sono molto affettuosi, anche se lo sono a modo loro. Nancy non sopporta abbracci o essere schiacciata troppo, e ci sono le sue unghie per renderlo chiaro, ma ha molti modi per mostrarmi il suo amore. Ad esempio, quel movimento che fa con le mani sul mio corpo come se stesse impastando la pasta della pizza, e questo è un segno di sottomissione; i “baci di gatto” che mi lancia, quando mi fissa e sbatte le palpebre lentamente, o quando mi riceve sdraiandosi sulla pancia, permettendomi di grattarmi la pancia in una posizione in cui non può difendersi, e quindi mi offre la sua totale fiducia.

Il gatto Nancy

Il gatto Nancyyasss.es

Non tutto è così carino

Certo, non tutto è così carino. Nancy è molto sua e qualche volta ha deciso che le mie pantofole o un asciugamano sul pavimento sembravano un orinatoio. Ci sono momenti in cui impazzisce e inizia a correre per casa da un posto all’altro come un Dissennatore la insegue, a volte alle tre del pomeriggio ma altre volte alle tre del mattino. E, naturalmente, avere un gatto è una spesa mensile che bisogna tenere in considerazione prima di adottarlo.

Il 19% delle famiglie spagnole ha un gatto. Aggiungere me stesso a quella percentuale è stata una delle migliori decisioni che ho preso. Nancy è un essere vivente che a volte non capisco, ma mi chiede empatia e cura. Decifrare quei bisogni, capire che gli altri (animali a due o quattro zampe) hanno il loro spazio e le loro norme, e trovare i ponti tra di noi mi ha reso una persona più sensibile e generosa. E Nancy, che è venuta a vedermi finire questo articolo dalle mie ginocchia, mi fa sapere con le sue fusa che non importa quanto siamo indipendenti, questo mondo è meglio navigato con qualcuno un graffio di distanza.

La gattina Nancy

La gattina Nancyyasss.es