• Madison McManus ha iniziato a usare crack ed eroina quando aveva solo 15 anni


  • Ora 28 anni, la giovane donna ha raccontato come è stata la sua esperienza e come si sente dopo tre anni senza droghe

La vita di Madison McManus ha preso una svolta di 180 gradi 3 anni fa; ora che ha 28 anni ha voluto condividere quanto è felice dopo aver smesso di drogarsi e recuperare da tutti i danni che ti hanno fatto in passato.

Madison aveva così aveva solo 15 anni quando ha iniziato a usare crack ed eroina con quella che a quel tempo era il suo fidanzato, come lei stessa ha raccontato al quotidiano britannico Daily Mail: fu in quel momento che la sua vita divenne un vero inferno; inoltre, in più di un’occasione stava per morire per la sua dipendenza.

Coloro che non conoscono il suo passato sono molto sorpresi di conoscere questa storia, da allora in questo momento è guarita al 100% sia fisicamente che psicologicamenteMa questo processo non era affatto un percorso facile per lei.

Una storia molto difficile

All’età di 20 anni non gli era rimasto assolutamente nulla e doveva andare a vivere per strada, dove ha trascorso non più e non meno di sei anni. In più di un’occasione stava per morire, da allora ha subito 19 overdose che lo hanno fatto finire in ospedale. Inoltre, è stata arrestata più volte.

All’età di 18 anni è rimasta incinta, questi 9 mesi sono stati gli unici che non sono stati consumati la droga, e aveva una ragazza che attualmente ha 9 anni, lei è stata la ragione principale che lo ha incoraggiato a porre fine alla sua dipendenza per essere in grado di prendersi cura di lei e darle una vita decente di cui poteva far parte. Ha dovuto rinunciare alla custodia a causa della sua dipendenza e ora sta lottando per riaverla.

“Ho lasciato la scuola, Ho rinunciato alla custodia temporanea di mia figlia, non riuscivo a smettere di usare. Non avevo una famiglia nella mia vita in questo momento, né amici, né anima, ero solo “, confessa McManus.

La sua vita ha subito un cambiamento radicale

“La malattia mi ha tenuto sotto controllo per sei anni, tenendomi prigioniera. Ho avuto tanta vergogna e rimpianto per aver perso mia figlia, la mia famiglia e me stessa”, ha confessato la giovane donna. Tuttavia, nel 2018, nel suo ultimo arresto, ha toccato il fondo e deciso che era ora di provare a riprendersi: “Il tribunale della droga mi ha salvato la vita”, dice in un post che ha condiviso su Facebook dove possiamo vedere com’era quando ha usato e come è guarita e felice ora:

Decidendo che la sua vita doveva cambiare, è andata a un programma di recupero di 30 giorni nel sud del New Jersey e successivamente in un centro di riabilitazione per quattro mesi: “Il vero lavoro è arrivato quando ho ottenuto il mio appartamento nel sud del Jersey, dopo tutti i miei spettacoli. Ho trovato Alcolisti Anonimi ed è allora che è iniziata la vera crescita, che ora so non si ferma mai “, ha scritto sul profilo Facebook di ‘The Addict’s Diary’.

Quando ha preso la decisione e ha iniziato nel modo più duro a rinunciare alla dipendenza, la sua famiglia è presto tornata, Oggi ha recuperato tutti i rapporti che aveva perso in questi anni a causa della droga e delle lotte per riconquistare la custodia della figlia di 9 anni.

Ora, è finalmente riuscita a mettere da parte quella vita di dipendenze che le hanno fatto tanto male e raccontando e condividendo la sua storia finge di essere in grado di aiutare altre persone in una situazione simile al tuo 3 anni fa.

Quanto tempo rimangono le droghe nel tuo corpo?

Madison è stata lontana dall’uso di queste sostanze per 3 anni, ma alcune di esse potrebbero ancora rimanere in alcune parti del suo corpo come capelli, sangue o urina.

Quando si consumano droghe come MDMA, cocaina o cannabis, il nostro corpo non è in grado di smaltirle in quel modo, ma può essere buttato via per un po ‘fino a quando non ne rimane traccia. Il fatto è che non tutti rimangono uguali, ci sono quelli che scompaiono in giorni e altri che possono rimanere nel nostro corpo per mesi. Nel video, ti diamo un file classifica con le vite più lunghe nella pelle, nelle unghie e nel sangue:

classifica