Nessuno ricorda cosa ha provato quando è nato, ma ci sono alcune persone che possono spiegarlo quello che hanno provato quando erano morti. Tecnicamente moriamo quando il nostro cuore si ferma e smettiamo di respirare, ma a volte è possibile recuperare la vita di una persona, il cui cervello è ancora in funzione, grazie alla rianimazione. Alcune persone clinicamente morte per pochi minuti hanno sentito una serie di cose che in seguito sono state in grado di ricordare. Ci sono molti testimonianze di persone con esperienze di pre-morte (NDE), e questa è Kassandra Hogann.

Questa giovane donna ha pubblicato su TikTok ciò che ha visto quando era clinicamente morta. Il suo video ha già superato il milione e mezzo di visite, un buon esempio della grande curiosità che le persone provano per qualcosa che ha turbato l’umanità in tutti i tempi e in tutte le culture: Cosa succede quando moriamo?

Secondo la testimonianza di Kassandra, che era clinicamente morta per sette minuti quando aveva 18 anni, quello che ha visto non assomiglia a “quello che hanno vissuto le altre persone”. Ed è che molto è stato detto sulle esperienze di pre-morte, e più o meno tutti ne abbiamo l’immagine tunnel buio con una luce alla fine in cui i nostri cari sembrano accompagnarci nell’aldilà. L’abbiamo visto nei film, nelle serie e persino nei documentari.

Tuttavia, la giovane donna ha vissuto qualcosa di diverso, secondo il suo racconto: “Ero bloccata in un tunnel all’inizio e sono finita tra le stelle. Potevo vedere la galassia, il cosmo, tutto. Ma i miei occhi erano chiusi, io non potevo aprirli, no, potevo muovermi “, dice. “Ma non aveva paura, era a suo agio. E anche se aveva gli occhi chiusi, poteva vedere e sentire tutto. È molto difficile da spiegare.”

Secondo le statistiche, una persona su cinque che soffre di un arresto cardiorespiratorio potrebbe sperimentare un’esperienza di pre-morte. Ci sono molte persone che raccontano questo tipo di storie in prima persona e, ovviamente, la scienza si è interessata a loro. Sebbene non ci siano ancora conclusioni conclusive, piuttosto ipotesi. E uno dei più accettati è che il tipo di esperienza ha molto a che fare con la nostra cultura e le nostre convinzioni. Per riassumere molto, vediamo e sentiamo ciò che pensiamo di vedere.

Uno dei più grandi ricercatori sulle NDE è il medico e filosofo Raymond Moody, È arrivato persino a elencare le fasi che avvengono quando “stiamo morendo”. La prima, e una delle più ripetute, è la sensazione di fluttuare sul corpo. Alcuni hanno persino affermato di poter vedere la stanza o il luogo in cui si trovava il suo corpo e hanno guardato la scena dall’alto. È qui che appare il tunnel oscuro, che devi attraversare guidato dalla luce finale o da una figura che ti accompagna. È anche molto caratteristico la sensazione di pace interiore e di sentirsi a proprio agio, anche felice. E così via fino a quattordici possibili fasi descritte da pazienti che hanno subito un’esperienza di premorte.

Le NDE sono state discusse in numerose occasioni nel programma televisivo Quarto Millennio, con ospiti che hanno discusso e fornito possibili spiegazioni per questo fenomeno. Uno dei più sorprendenti è stato quello del medico Francisco Martínez Soriano che ha raccontato la propria esperienza. Potete vederlo qui:

La testimonianza dell’esperienza di premorte di un medico nel quarto millennio