Giovane medico infettato da coronavirus in Ospedale Ramón y Cajal, questo è il tuo messaggio 1

Giovane medico infettato da coronavirus in Ospedale Ramón y Cajal, questo è il tuo messaggio


  • Gemma Sinistra è stato al fondo del barile, poiché la crisi ha iniziato a frequentare in camera covid del centro sanitario di zona Ospedale Ramon y Caja


  • Stanchezza, pressione, ad affrontare la mancanza di materiale o per vedere come i vostri compagni di classe stanno andando a cadere: così ha vissuto con questa crisi medica del coronavirus

Si chiama Gemma Sinistro, 31 anni, è un medico ed è mio amico. Ci siamo incontrati nel primo CHE quando, da quel momento, o sapeva che lei voleva che finì per dedicarsi alla medicina o finirei per essere un giornalista. Con 11 anni abbiamo preoccuparsi di altre cose: le note, i ragazzi, o come nascondere il cibo che non ci piace, la sala da pranzo e che le monache non per sentito dire. Ora, alcuni anni dopo, tutto ciò che ci preoccupa dal nostro professioni (anche se sono molto diversi) è il coronavirus, questa epidemia che ci sono stati puniti così tanto.

Le conversazioni nella chat di WhatsApp di amici del college sono stati più o meno “normale” fino a quando, alla fine di febbraio, Gemma cominciò a parlare il coronavirus e di inviare informazioni e le prime immagini di lui che indossa la maschera, guanti ed altri dopo aver rilevato il primo caso, nel suo centro di salute. Ancora non avevamo idea di quello che doveva venire (l’isolamento di tutta la popolazione spagnola, morti, quasi 50.000 infetti…)… o lei di cosa stavo andando a vivere.

Cronologia di contagio

Gemma in Ospedale Ramón y Cajalyasss.è

Dall’inizio di marzo, Maria, Silvia, Isabella, Laura ed io abbiamo vissuto con lei come stava andando a sviluppare questa crisi nel nostro paese e in ospedale Ramón e Cajal di Madrid: da una prima diagnosi che ha fatto, andando per la pressione, l’impotenza o addirittura la paura che ha sentito tutti quei giorni, ai piedi del torrente senza sufficiente materiale e vedere come i loro compagni erano in calo, fino a quando lei ha dato positivo COVID19.

Non essendo facile giorni per il personale medico del nostro paese: si sta facendo di giorni di maratona di lavoro e sono alla ricerca molto esposti al virus non hanno il materiale appropriato. In realtà, ci sono già più di 5.400 salute infetto, tra i quali è un Gioiello.

Proprio per loro, il sabato, 14 marzo, abbiamo iniziato ad andare alle finestre, terrazze o balconi per applaudire forte per tutto il lavoro che stanno facendo. E da allora quel semplice gesto che ci ha uniti tutti gli spagnoli, ogni giorno alle 20:00 (inizio ore 22:00, ma abbiamo tagliato il tempo per i bambini più piccoli di casa potrebbe unirsi), quando usciamo tutti stiamo facendo per inviare il nostro supporto.

Da li siamo anche stare in casa, così come non crollare ospedali o alberghi trasformati in ospedali. “A rimanere a casa e ci aiutano”era il semplice messaggio di “passato” un Gioiello quando a Madrid hanno iniziato a presentare le prime misure straordinarie dal coronavirus (sospendere l’attività faccia a faccia, a tutti i livelli di istruzione, si consiglia di aziende telelavoro, evitare spostamenti non strettamente necessari, ecc…) prima decretato lo stato di allarme. “La cosa sta per avere la peggio: questo è esponenziale, ragazze”, abbiamo detto a Gemma quando tutto questo stava iniziando.

Gemma

Dr. Gemma Sinistrayasss.è

Dopo un sacco di estenuanti giorni in camera covid del centro sanitario di zona Ospedale Ramón y Cajalgiovedì 19 Gemma già sentito che era caduto: “ragazze, ho la febbre”, ha detto. Il giorno dopo abbiamo fatto il test e che, in attesa del risultato da casa (potrebbe non funzionare), per stare a guardare senza sapere se era positivo o meno, che mi ha provocato ansia e di angoscia. Due giorni dopo, sabato 21 ha ricevuto la notizia: e ‘ stato positivo.

Il messaggio di Gemma, dopo aver saputo che ero infetto

Cinque giorni dopo essere stato infettato da COVID19, Gemma condiviso la foto sulle loro reti, accompagnata da un messaggio di incoraggiamento a tutti i suoi colleghi che stanno lottando contro questa infezione. Dopo averlo letto l’ho scritto in esecuzione in modo che io possa condividere in Yasss. Non c’è voluto anche cinque minuti per dirmi che sì e dedicare tutto il materiale necessario. Queste furono le sue parole entusiasmanti:

WhatsApp Immagine 2020-03-25 a 18.52.13

Gemma in ospedaleyasss.è

“Quando mi guardo indietro, mi rendo conto che, probabilmente, da questa data ho avuto. Non importa se ho un paziente davanti a me non ho fatto la guardia, se ho fatto dopo 7 ore vestita così, se magari ho sbagliato a desvestirme, o se è stato con uno dei miei colleghi. La realtà è che Non mi interessa di essere morso, a me interessa che i miei colleghi hanno una protezione sufficiente per diminuire la prevalenza di infezioni da hiv tra gli operatori sanitari che si prendono cura di chi cura e che non siamo trasmettitori di malattia tra i pazienti.

Oggi, da casa, i sentimenti e le emozioni sono la pelle in profondità. Da un lato, mi sento la debolezza e sintomi della malattia (febbre, tosse, qualche mancanza di respiro e la fatica enorme), dall’altro, l’impotenza di non essere in grado di aiutare il mio compische in questo momento stanno dando la loro vita per questa causa, con 200%, senza un lamento dai loro programmi, i loro overflow, e la situazione emotiva talmente complesso che è vissuto dal di dentro.

A tutti voi, che lotta con me contro questa infezione: la pace, la calma, questa lotta si sta andando a vincere e nella maggior parte dei casi, quasi senza difficoltà.

A mio instancabile colleghi: forza, sei coraggioso, sei molto umano, e, soprattutto, avere chiaro che ciò che è importante sono i nostri pazienti. Io, bada bene a un sacco, protegeos e affidamento gli uni sugli altri, questa lotta si sta andando a vincere!

E per me, il mio messaggio giornaliero: un giorno in più, un giorno in meno. Voglia di recuperare e di essere di nuovo”.

Un Yasss enorme per tutta la nostra salute!

Controlla anche

10 Trattamenti per lisciare i vostri capelli e dire addio al crespo 5

10 Trattamenti per lisciare i vostri capelli e dire addio al crespo

Se si soffre di crespo e si spugna i capelli in un modo estremo, è …

Improvvisa Torre Eiffel a chiedere a lui per il matrimonio con la sua fidanzata 6

Improvvisa Torre Eiffel a chiedere a lui per il matrimonio con la sua fidanzata

Erika e Luca sono una coppia di americani i cui piani di viaggiare in un …

come è la fobia del contatto in quarantena completa 7

come è la fobia del contatto in quarantena completa

Così male è quello di andare cinque volte al giorno, al supermercato, per averci fatto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *