• Diversi influencer hanno condiviso lo stesso post sui loro account, sottintendendo di aver vinto una notevole somma di denaro al gioco

Marina Yers, Alexandra Moreira, Paula García, Genissa González o James Lover, tra gli altri, sono state segnalate da altri utenti dei social network dopo aver caricato nei rispettivi account storie abbastanza simili, in cui Sembrava che stessero nascondendo il gioco d’azzardo online sui loro social media.

Genissa Gonzalez, La sorella di Sandra Pica, è stata quella che ha fatto scattare gli allarmi. Come spesso fanno gli influencer su Instagram, ha messo un adesivo sulle sue storie per i suoi fan per lasciare i loro commenti. Come al solito, una delle parti della vita degli influencer che genera più curiosità è quanti soldi fanno. A questa domanda, Genissa ha risposto: “Questo è un po ‘privato. Ma quello che posso dirti … è che recentemente ho iniziato a scommettere sul calcio ed è quello con cui sto vincendo di più. L’altro giorno ho iniziato con 30 € e ho concluso con 1040 € in un pomeriggio. Questo è [sic] brutale”.

Sebbene sappiamo tutti che gli influencer di tanto in tanto ci nascondono una bugia, la risposta di Genissa è stata abbastanza convincente. Prosciugò elegantemente il pacco per non dover parlare del suo vero stipendio e dava consigli anche ai suoi seguaci. Senza entrare nel valutare la qualità del consiglio (perché quando scommetti soldi non c’è mai un profitto garantito, per quanto ti facciano credere che lo sia), la risposta potrebbe essere sfuggita. E, sicuramente, ha portato alcuni dei suoi seguaci a indagare come funziona il mondo delle scommesse sportivePerché chi non vorrebbe vincere 1000 € in un pomeriggio?

Diversi influencer sono stati scelti per la pubblicità segreta di scommesse sportive

Qual è il problema con la pubblicità di un influencer?

Nessuno, ovviamente. Fintanto che la campagna pubblicitaria rispetta le regole che regolano la pubblicità delle scommesse sportive in Spagna. E questo è quello che ha capito Sara, che ha scritto un thread che ha esposto la possibile pubblicità segreta sul suo account Twitter @soyuncharizard.

“Ultimamente molti influencer stanno promuovendo una truffa sulle scommesse sportive che NON PUOI INGERIRE”, ha iniziato a scrivere Sara, in un tweet in cui condivideva anche due catture degli account di Genissa González e Marina Yers che erano praticamente identici.

Sara ha rivelato in cosa poteva consistere questa azione sponsorizzata. “Iniziano con una domanda e risposta”, spiega il tweeter, “continuano con una domanda casuale (che è anche la stessa xd)”, continua, accompagnando ciascuna delle sue dichiarazioni con acquisizioni, “E poi entrano nell’argomento, CON LE STESSE RISPOSTE E LO STESSO DENARO GUADAGNATO “.

“E poi casualmente i suoi follower iniziano a interessarsi; con le stesse domande e risposte, ANCORA. Caricano lo stesso screenshot.”

La parte più importante di questa pubblicità segreta sarebbe questa:

“E” di solito non promuovono nulla “cioè, non dicono nemmeno che sia pubblicità”. Come scrive Sara, stanno facendo capire ai loro seguaci che quello che stanno dicendo è un loro segreto ben custodito, che è completamente reale e che non è pubblicità. “E non solo, ma incoraggia i suoi seguaci a entrare in una truffa xd È PENOSO”.

In questo susseguirsi di storie, secondo la consulente legale specializzata in diritto sportivo Irene Aguiar a Verne, si possono segnalare diverse infrazioni amministrative. Regio Decreto 958/2020, sulle comunicazioni commerciali delle attività di gioco d’azzardo, approvato lo scorso anno, vieta alle persone rilevanti di effettuare comunicazioni sulle scommesse sportive. E si potrebbe dire che gli influencer con migliaia di follower (o milioni, nel caso di Marina Yers) sono persone rilevanti.

Inoltre, il decreto vieta anche “le comunicazioni commerciali che presentano l’attività di gioco d’azzardo come un’attività economica o un investimento finanziario, o un’alternativa all’occupazione”, ed è chiaro che il messaggio che gli influencer hanno trasmesso è che stanno guadagnando bene con le scommesse sportive .

Né questi influencer aggiungono in alcun momento il messaggio del gioco responsabile, come richiesto dall’articolo 10.3, e un altro punto molto importante è che le comunicazioni commerciali sulle scommesse sportive con i minori sono vietate, cosa che non può essere evitata quando sei una persona con migliaia di seguaci. Per tutti questi motivi, si può ritenere che questi influencer abbiano violato le regole relative alla pubblicità delle scommesse sportive.

Come riportato da Europa Press, il Ministero dei consumatori spagnolo sta indagando su quale operatore ci sia dietro questa azione con diversi influencer.

Le scommesse sportive possono creare dipendenza, soprattutto tra i più giovani

Il fatto che lo scorso anno sia stato approvato un nuovo decreto per regolamentare la pubblicità delle scommesse e del gioco d’azzardo è il risultato dell’aumento dei giovani con diagnosi di gioco d’azzardo. Nel settembre 2019 è stato riferito che La Spagna ha il tasso più alto in Europa di giocatori d’azzardo tra i 14 ei 21 anni.

Come ha spiegato la psicologa di Yasss Marina Pinilla, dal 1980 il gioco d’azzardo è considerato un disturbo psicologico. “Questo disturbo colpisce il 2% della popolazione mondiale, che è più di 150 milioni di persone. Inoltre, è più frequente negli uomini e soprattutto negli adolescenti e negli studenti universitari”, ha sottolineato.

Questo perché i bookmaker sono aumentati del 304% negli ultimi anni e le campagne commerciali con ottime strategie per attirare l’attenzione della gente. Per Marina Pinilla, bandiere rosse per sapere se hai un problema con il gioco d’azzardo Sarebbe che ogni volta che senti il ​​bisogno di scommettere più soldi, che quando passi del tempo senza scommettere sei nervoso o irritabile, che ricorri al gioco per distrarti o che menti alle persone su questa situazione.