Il coronavirus non è estraneo a nessuno. Non capisce di età o di famoso. Il COVID-19 non fa distinzioni. E ora, l’ultimo che è stato riconosciuto nel suo Instagram che potrebbe avere successo è l’attivista Greta Thunberg. Nel tuo caso non hai una sicurezza al cento per cento perché non ha fatto il testdeterminare, ma dai tuoi sintomi, è “molto probabile” che è stato uno dei casi ha superato con meno difficoltà. In caso di dubbio, Greta ha reso più responsabile: isolato per rompere la catena di infezione.

Recentemente Greta era tornato da un viaggio attraverso l’Europa Centrale. All’arrivo, quando ha iniziato a mostrare i sintomi: “ho Avuto tosse, mal di gola, brividi e stanchezzama in Svezia non è possibile fare la prova se siete sotto la cura di un medico,” dice il giovane. Non avrebbe dato più importanza a tutto questo non perché il padre aveva viaggiato, ha presentato una foto simile, ma in misura maggiore. Lei riconosce che “non si sente” malato, ma ha capito che questa lotta con il virus avrà per giocare da casa e isolato, perché gli effetti sono molto diversi.

Che è ciò che riguarda Greta Thunberg. Che cosa le è successo, così tante persone stanno vivendo. La sento un leggero fastidio che si potrebbe associare qualsiasi altra cosa e continuare a fare una vita normale. Senza prove e senza positivo, molti sono quelli che si fidano e non prendere tutto sul serio che dovrebbe essere la quarantena. Per loro, il giovane, che, come lei, non si accorgerà di solo i sintomi, a loro va il messaggio:

“Si può avere il virus e non mostrano sintomi, in modo che può passare per le persone in gruppi a rischio. Questo è ciò che è davvero pericoloso”. E con il diffusore che hai e che è diventato uno dei volti più conosciuti del pianeta, Greta questa volta ha fatto un appello ai giovani per voi di essere mobilitato. In questa occasione non è da cambiamenti climatici, ma è anche così che sempre più giovani consapevoli.

Il messaggio di Greta Thunberg giovaniInstagram

Non solo si lega al grido di tutti a fine con il coronavirus di “stare in casa”, ma che fa appello al ruolo dei giovani in questa grave crisi di salute: “Abbiamo un enorme responsabilitàle nostre azioni possono essere la differenza tra la vita e la morte per tante persone”. Nel tuo giudizio, cosa c’è da fare, è quello di “ascoltare esperti” e di non essere egoisti. Abbiamo tutti voglia di compagnia, ma ora è il momento di isolamento.