Non abbiamo prove ma dubbi: Donald Trump non deve dormire molto bene ultimamente. Tanto più che si è iniziato a contare i voti delle ultime elezioni negli Stati Uniti, avvenute il 3 novembre.

I risultati di quelle elezioni non sono ancora noti perché, a quanto pare, negli Stati Uniti i pigri di Zootropolis contano i voti e si stanno prendendo il loro tempo perché il 2020 è piuttosto stressante per contare i voti in fretta.

E anche se non sappiamo ancora chi sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump già annusa il brindisi: c’è una migliore possibilità che vinca Joe Biden. E questa situazione ha fatto impazzire l’attuale presidente degli Stati Uniti, che si è scatenato (un po ‘troppo) su Twitter.

Né è che Donald Trump fosse il tweeter più calmo di questo social network. Il suo marchio personale è sempre stato quello di creare una rissa e scrivere in maiuscolo come se stesse urlando contro una nuvola tutto il tempo. Come se fosse molto arrabbiato o infuriato. E in questi ultimi giorni, durante il conteggio dei voti elettorali, il presidente è stato più rabbioso che mai.

Greta Thunberg ha visto nel suo atteggiamento un’occasione d’oro per “restituirlo”. 12 dicembre 2019 Donald Trump pubblicato un controverso Tweet in cui ha ridicolizzato la scelta del giovane attivista come persona dell’anno sulla rivista Time. Un presidente di una grande potenza mondiale entra davvero in queste melanzane?

A quel tempo, lo “scherzo” di Trump ha superato i 100.000 RT e 200.000 Mi piace. Quasi un anno dopo, Greta ha visto un’occasione d’oro servita su un piatto per contrastare il (non per molto) presidente degli Stati Uniti d’America.

Ripeti semplicemente le stesse parole che Trump gli ha dedicato, ma questa volta citando la sua ormai famosa frase “STOP AL CONTE!”. Smetti di contare! Il presidente ha ripetutamente urlato. Si riferisce ai voti per corrispondenza che stanno portando via la vittoria alle elezioni presidenziali.

Greta le ha dato la sua stessa medicina, scrivendogli: “Che ridicolo! Paperino deve risolvere il suo problema gestendo la sua rabbia, poi andare a vedere un buon vecchio film con un amico. Rilassati Donald, rilassati“. BOOOM!

I social hanno regalato la vittoria anche a Greta Thunberg, dal momento che il suo tweet è stato condiviso più di 300.000 volte e ha superato il milione di Mi piace. Indipendentemente dal fatto che tu sostenga o meno il modo di fare politica di Donald Trump, è piuttosto brutto usare il tuo potere per cercare di screditare un’adolescente. Quindi … un forte Yasss a Greta per la sua vendetta!