Ogni giorno è un caso diverso e per il brigadista Alberto Celis, una sfida. Possono essere solo animali per molti, ma ha scoperto che sono in grado di mostrare veri gesti d’amore. Nel tempo si è affezionato sempre di più al loro lavoro, nonostante non siano così riconosciuti dalle persone.

Molti potrebbero non crederci, ma in alcune città ci sono dipartimenti di sicurezza della polizia specializzato nella sorveglianza e cura di animali. Proprio a Città del Messico c’è il Brigata di sorveglianza degli animali (BVA), composta da professionisti disposti a intervenire in caso di emergenza sia di animali da compagnia che di animali selvatici, Alberto Celis Diaz, È uno di loro e racconta il lavoro sacrificale che appartiene a questa professione.

SSC

Meglio noto come “Il capo” Nel suo dipartimento, racconta che non solo si prendono cura di cani o gatti, ma in molte occasioni devono mettere alla prova la loro esperienza e mentalità quando l’avviso è per un animale selvaggio e nel caso di Città del Messico, questo può significare qualsiasi cosa, da un procione a tigri.

La prima cosa è sempre garantire il benessere dell’animale, provocare il minor stress possibile e una volta soccorsi portarlo immediatamente ai servizi veterinari, fornire loro cibo e poi trasferirlo in un ricovero idoneo.

"Ho preso in braccio un cucciolo carbonizzato e mi ha segnato": la polizia racconta la realtà del lavoro per salvare gli animali 25
SSC

Celis ricorda nel profondo del suo cuore il tempo in cui ha affrontato un fuoco in una casa. Dentro dimoravano molti cani e alcuni non uscivano dalle fiamme da molto tempo, quando riuscirono a entrare vide come ci fosse un cucciolo totalmente calcinato abbracciandone uno più piccolo, proteggendolo con il suo corpo.

“Molte persone pensano di non avere sentimenti e al contrario, questo è un segno molto chiaro, purtroppo sono morti entrambi, ma è stata una dimostrazione d’amore che è stata segnata nella mia vita per sempre”.

–Alberto Celis alle 24 ore MX–

"Ho preso in braccio un cucciolo carbonizzato e mi ha segnato": la polizia racconta la realtà del lavoro per salvare gli animali 27
SSC

Le giornate sono generalmente piuttosto varie, poiché possono esserci occasioni in cui devono salvare un gatto per andare direttamente ad animali più esotici come serpenti, cuccioli di leone o persino aquile intrappolate in cima agli alberi.

"Ho preso in braccio un cucciolo carbonizzato e mi ha segnato": la polizia racconta la realtà del lavoro per salvare gli animali 29
SSC

Non c’è chiamata che non abbia la sua complessità, tutti gli animali meritano cure diverse a seconda delle loro esigenze e lui dice che è impossibile non affezionarti con qualcuno di loro. La parte mentale è un aspetto che molti non considerano, ma in ogni caso si sviluppa una certa sensibilità, rendendolo un lavoro speciale.

Come dovrebbero essere preparati per qualsiasi cosa emergenza, ogni mattina devono essere pronti entro e non oltre le 6:30, controllare lo stato degli scarponi, delle dotazioni di sicurezza e della divisa, dopo la colazione a ciascuno viene assegnata un’area e se ne vanno pattuglia la città.

"Ho preso in braccio un cucciolo carbonizzato e mi ha segnato": la polizia racconta la realtà del lavoro per salvare gli animali 31
SSC

Una delle parti più importanti, per finire un lavoro, è trovare una casa adatta per ogni animale. Se è domestico, cercano una casa, se è più esotico, un rifugio o viene portato nel suo habitat naturale in caso di smarrimento, il che può richiedere settimane.

"Ho preso in braccio un cucciolo carbonizzato e mi ha segnato": la polizia racconta la realtà del lavoro per salvare gli animali 33
SSC

Persone come Celis e gli altri lavoratori della brigata di animali dimostrano che a volte quei lavori sono meno riconosciuto sono i più macellato E nonostante si dia per scontato che se ne occupi la sicurezza dei cittadini, a volte vale la pena pensare che dietro quell’uniforme ci sono centinaia di storie e non tutte facili da raccontare.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));