• Jara divenne ossessionata dalle applicazioni di etichettatura degli alimenti: “Molti di noi ne hanno sofferto, abbastanza perché gli influencer nutrizionali riflettano sul loro ruolo negli ACT”


  • I disturbi alimentari sono molto complessi e le raccomandazioni che vediamo su Instagram o TikTok possono influenzare


  • Chiedi aiuto psicologico se il cibo controlla la tua vita, se ogni volta che pensi di mangiare ti senti in colpa o in ansia e se eviti i programmi con gli amici per paura di mangiare ultra processato

I tempi cambiano e il modo di avvicinarsi Disordine alimentare pure. Attualmente ci confrontiamo con estranei su Instagram, basiamo la nostra dieta sulla dieta consigliata dall’influencer virale del momento, e dipendiamo dalle applicazioni in fase di acquisto.

Non ci si aspettava che queste nuove abitudini avessero acceso il dibattito sui social media. Da una parte, uso inappropriato di piattaforme come TikTok dove abbondano adolescenti e minori, ha suscitato l’indignazione di psicologi e nutrizionisti.

I disturbi alimentari vengono promossi su TikTok?

Secondo il rapporto annuale della piattaforma Qustodio sulle abitudini digitali nei minori, l’applicazione più utilizzata dalle persone di età inferiore ai 15 anni durante la quarantena è stata TikTok. In esso possiamo vedere da balli o cambi di look, a un tipo di video chiamato ‘Quello che mangio in un giorno ‘. Come suggerisce il nome, in un minuto gli adolescenti condividono colazione, pranzo, pranzo, spuntino e cena.

La controversia è sorta quando uno di quei video è stato criticato da un utente TikTok adulto, alludendo alla quantità di calorie che un minore stava consumando. La risposta a questo video non ha richiesto molto tempo e psicologi e nutrizionisti hanno iniziato a spiegarlo stabilendo questo l’ossessione per le calorie non era la più appropriata.

È importante chiarirlo ED o disturbi alimentari sono molto complessi e multifattoriali. Ciò significa che molti aspetti giocano un ruolo. L’anoressia nervosa non compare dall’oggi al domani guardando un TikTok da uno sconosciuto o perché qualcuno ti dice quante calorie stai mettendo in bocca, ma può influenzare.

Quando ti esponi costantemente a questi tipi di messaggi, è più probabile che sia così nasce una relazione negativa con il cibo e con il proprio corpo. E tenendo conto che gli spagnoli trascorrono in media 5 ore e 18 minuti al giorno connessi a Internet Secondo Hootsuit, è molto probabile che ogni giorno ci imbattiamo in messaggi su abitudini sane che non sono salutari.

App per l’etichettatura degli alimenti: nemica o alleata?

Oltre all’influenza di Instagram e TikTok, si aggiunge un altro tipo di applicazione: quelle dell’etichettatura alimentare. Generalmente funzionano scansionando un codice a barre che fornisce informazioni nutrizionali sul cibo in questione: calorie, carboidrati, proteine, grassi, ecc. Alcuni addirittura lo etichettano come un buon cibo in verde, un cibo che non dovrebbe essere abusato in arancione o un cibo cattivo in rosso.

I rischi delle app per l'etichettatura degli alimenti 4

Per Jara, 26, questo tipo di applicazione è stato il primo passo di una scala verso la bulimia nervosa. “Ho pensato 76 chili e un giorno Ho iniziato a seguire un account Instagram su un’alimentazione sana. Mi sono piaciuti molto gli approcci e ne sono rimasto affascinato ”, ricorda. “Ho anche convinto il mio ragazzo a iniziare a mangiare meglio tutti e due ea motivarci a vicenda”.

“Il primo mese ho perso molto poco, ma stavo benissimo fisicamente e mentalmente”, dice la giovane donna. Il problema è arrivato quando ha iniziato ad approfondire questo tipo di racconti sulle abitudini sane. “Ho capito che avevo un problema quando ho incontrato alcuni amici a cena e mi sono sentito così in colpa che il giorno dopo non ho mangiato nulla”.

“Era Natale e ho visto un nutrizionista dire che andava bene non mangiare il giorno dopo un pasto abbondante per rimediare. Là ho già iniziato a cadere a pezzi. Se un giorno avessi mangiato più del necessario, il giorno dopo sarei stato punito senza mangiare o uccidendomi mentre facevo esercizio“, Lui condivide. Questi cambiamenti si sono riflessi nella scala e nel suo stato di salute. “Ho perso quasi 25 chili e tutti mi dicevano che ero bravissimo, ma Ho avuto un’ansia brutale, eczema sulla pelle, tremenda perdita di capelli e problemi di stomaco tutto il tempo ”.

Molti di noi hanno sofferto di questo, abbastanza perché gli influencer nutrizionali riflettano sul loro ruolo negli ACT

Man mano che crescevano, i cambiamenti hanno influenzato anche le loro relazioni personali. “Un ATT non ti rovina solo la vita. Ha colpito anche il mio ragazzo, i miei amici e la mia famiglia. Sono diventato la tipica persona insopportabile che giudicava ciò che gli altri mangiavano. Se mio fratello caricasse alcune storie mangiando un gelato in estate o una pizza con i suoi amici, risponderei dicendo che come avrebbe potuto mangiare quella merda ultra elaborata e che il suo corpo sarebbe finito a pezzi “.

Per Jara, i principali colpevoli del suo disturbo alimentare erano i social network e le applicazioni di etichettatura degli alimenti. “Stavo per fare la spesa con l’app in mano. Forse gli ci sono volute due ore per acquistare perché ha analizzato ogni etichetta. Sono diventato schiavo dell’applicazione. Per mangiare contavo ogni caloria per grammo e se mi capitava a pranzo, non mangiavo la cena “, dice. “Forse qualcos’altro non mi sarebbe successo, ma credo ci sono molti di noi che hanno sofferto questo. Abbastanza perché gli influencer della nutrizione riflettano sul loro ruolo nei disturbi alimentari ”.

Jara è stata raggiunta da dozzine di utenti su Twitter che hanno condiviso come le applicazioni di etichettatura degli alimenti e le abitudini restrittive hanno portato a un disturbo alimentare.

I rischi che i social network possono causare alla nostra salute

È importante mangiare sano. Ovvero aumentare il consumo di frutta e verdura, evitando il più possibile farine e zuccheri raffinati, tralasciando di tanto in tanto fritti e una lunga lista di consigli che tutti conosciamo perché più vecchi del filo nero. Ma non è solo la salute fisica che conta, anche la salute mentale.

Quindi, se vuoi migliorare il tuo stile di vita, tieni presente quanto segue:

  • UN stile di alimentazione restrittivo aumenta la probabilità di abbuffate.
  • Le applicazioni di etichettatura alimentare possono essere utili per comprendere meglio il nostro stile di vita e per realizzare piatti più nutrienti, ma non dovrebbe diventare un’ossessione.
  • Il diete ipocaloriche Ti fanno perdere peso velocemente, ma aumentano anche la probabilità di obesità futura.
  • Fino ad ora i rischi di diete ipercaloriche erano noti, ma l’influenza di una dieta molto restrittiva e ipocalorica su lo sviluppo di malattie cardiache e cancro.
  • Non è sempre possibile mantenere uno stile alimentare totalmente sano. Influenza di tempo e risorse finanziarie.
  • Il mondo non sta finendo se un giorno vuoi mangiare un panino con la maionese o dei biscotti al cioccolato. Non sentirti in colpa. Non digiunare il giorno successivo. Non ucciderti facendo esercizio per eliminare quelle calorie. Non ricorrere a metodi purgativi come lassativi o vomito. Goditi ciò che hai appena mangiato e continua con la tua dieta normale. Non è né una battuta d’arresto nelle tue abitudini di salute, né rovinerà tutti i tuoi progressi.
  • Se qualcuno ti dà dei consigli, ti fanno sensazione di ansia per determinati cibi o rifiuto del proprio corpo, fugge. Non importa se è tuo padre, il tuo ragazzo o l’influencer che lo colpisce su Instagram.

Chiedi aiuto psicologico se il cibo controlla la tua vita, se ogni volta che pensi di mangiare ti senti in colpa o in ansia e se eviti i programmi con gli amici per paura di mangiare ultra elaborato.