Il seconda ondata di coronavirus non ha portato l’assistenza sanitaria sull’orlo del collasso, ma anche dai servizi di assistenza psicologica. Nel caso del telefono della speranza, ad esempio, tra il 14 marzo e il 31 settembre ha registrato il doppio delle chiamate rispetto all’anno scorso. Di queste chiamate, 2.500 sono state fatte da persone che avevano pianificato di suicidarsi nel prossimo futuro o stavano per togliersi la vita.

Come dichiarato ANPIR (National Association of Resident Internal Psychologists), “abbiamo già dati con sufficienti prove scientifiche su l’impatto della reclusione“. Dall’ansia alla depressione, soffriamo tutti conseguenze psicologiche della pandemia globale.

Le principali vittime della pandemia sono i pazienti con coronavirus. Secondo una meta-analisi condotta negli Stati Uniti su oltre 62mila casi, Il 20% delle persone con la malattia sviluppa un disturbo mentale, particolarmente:

Non importa che né tu né nessuno vicino a te abbia contratto la malattia, anche la tua salute mentale potrebbe essere stata compromessa.

Il coronavirus è diventato il principale argomento di conversazione. Ogni giorno leggiamo notizie e nei gruppi WhatsApp abbondano le bufale. È praticamente impossibile ignorare questa raffica di informazioni (in molti casi disinformazione).

E se per un momento riesci a scappare, ti trovi faccia a faccia con la realtà: non sai come sarà il tuo lavoro futuro, si scoprono nuove conseguenze della malattia, ti senti solo a telelavoro, ti senti panico quando pensi che i tuoi genitori possano ammalarsi, vedi come il tuo Gli amici di Instagram ignorano le misure sanitarie … In breve, c’è un clima di incertezza e tensione questo non giova affatto alla nostra salute mentale.

Alcuni dei problemi di salute mentale che sta vivendo la popolazione spagnola sono:

Non importa se hai sofferto di coronavirus o meno. Se è in gioco la tua salute mentale, dovresti cercare un aiuto professionale. Ma come? Prendi nota:

Forse pensi che data la situazione sanitaria, il tuo problema non sia una priorità, ma lo è. Se ti sei slogato, andresti al pronto soccorso? Se hai l’influenza, chiameresti il ​​tuo medico di famiglia? Andresti dal dentista se una carie ti impedisse di mangiare? Fai lo stesso con problemi psicologici e tratta la tua salute mentale come merita!