Katie Hodgkinson ha sofferto la prima volta che ha visto morire un paziente. Voleva mantenere viva la sua memoria, quindi ha deciso di prendersi cura di una pianta che l’avrebbe onorata e lo avrebbe fatto con tutti i suoi pazienti. Con l’arrivo del coronavirus ha dovuto imparare ad affrontare il dolore ogni settimana e quindi continua ad acquistare piante.

Oltre ai malati che arrivano ogni giorno in ospedale a causa del pandemia, medici, infermieri e assistenti hanno dovuto imparare ad affrontare la sensazione di vedere i pazienti che muoiono e altri purtroppo perdere la vita. Dietro i pronto soccorso c’è un intero mondo di cui la maggioranza non è presente e quelli che ci sono conservano storie incredibili, come Katie Hodgkinson, un medico che l’attuale crisi sanitaria ha cambiato la sua vita, ha detto a Metro.

Katie hodgkinson

Katie ha sempre amato le piante, ma il tempo che ha avuto modo di vederla primo paziente muore, la natura ha acquisito per lei un’altra connotazione. Riguardava solo una donna a cui era stata diagnosticata 2 settimane di vita E quando l’ha scoperto, ha confessato al dottore che l’unica cosa che voleva con il tempo che aveva era “Guarda i fiori sbocciare in primavera.”

Il personale ha riempito la sua stanza di piante da interno nel tentativo di realizzare il suo ultimo sogno. La notte in cui è morta, Katie è andata in un giardino, dove avevano chiamato tutte le piante. Quando ne ha visto uno con lui nome del tuo paziente, l’ha portata via.

Il dottore acquista una pianta per ciascuno dei suoi pazienti COVID che muore. Cerca di riconoscerli 17
Katie hodgkinson

Pensi che fosse una specie di cartello, ma nel suo metodo di fuga prima del frustrazione per vedere il suo primo paziente morire, sentiva che sarebbe stata la cosa migliore da fare. Onorerei la sua memoria, facendo una morte non solo in qualcosa che accade sul lavoro, ma in una parte di La sua stessa vita. Alla fine, ha dovuto affrontare la morte di un altro paziente e ha deciso di fare lo stesso. Quelle piante adornerebbero il tuo appartamento come ricordo.

Ma quando è arrivata la pandemia, Katie ha dovuto cominciare ad affrontare ciò che le piaceva di meno ed era il fatto che non poteva salvali tutti. All’inizio era uno, poi un paio a settimana, finché all’improvviso ho visto i pazienti morire quasi ogni giorno.

Il suo pavimento divenne una specie di giungla, al punto che non poteva continuare a mettere altre piante. Quindi uno dei suoi colleghi gli ha consigliato di ottenere solo uno a settimana, perché la crisi continuerebbe a crescere.

Il dottore acquista una pianta per ciascuno dei suoi pazienti COVID che muore. Cerca di riconoscerli 19
Katie hodgkinson

Anche con quel consiglio, Katie lo sentì non era giusto, così ha cercato altri modi per onorare ciascuno. O piantare semi, occupando candele o luci. Quelle vite dovrebbero essere presenti e quindi non perdere mai il sensibilità quando si servono persone o si danno cattive notizie alle famiglie.

Anche se lo sono già stati decine di persone, Non è mai facile per il medico accompagnare coloro che moriranno presto negli ultimi istanti, per raggiungere le loro famiglie e accompagnateli nel loro dolore. Prendersi cura delle piante ti tiene al corrente del tragedia che il mondo vive e quanto sia importante prendersi cura l’uno dell’altro.

Il dottore acquista una pianta per ciascuno dei suoi pazienti COVID che muore. Cerca di riconoscerli 21
Katie hodgkinson

Katie è grata di vivere da sola per il momento, quindi non dà fastidio a nessuno. Con il suo fidanzato hanno cercato una casa per vivere insieme e fortunatamente l’ha fatto rispettata i suoi tributi, quindi cercano di trovare il modo migliore per portare le sue piante in un posto dove possa continuare ospitando di più. Nonostante quanto sia stato difficile, è felice di avere persone che la contengono quando necessario e che l’hanno fatto supportato questo anno difficile. Le piante rimarranno con lei per tutta la durata della pandemia e per tutta la sua vita.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));