Un anno fa la vita di tutti è cambiata completamente, il 17 novembre 2019 è stato registrato il primo caso di coronavirus (Covid-19) e da allora sia i ricercatori che gli scienziati non hanno smesso di lavorare per creare una cura.

Diversi laboratori in diverse parti del mondo sono riusciti a sviluppare farmaci in grado di combattere il virus, come il vaccino russo Sputnik V, quello della Pfizer o il famoso vaccino di Oxford e AstraZeneca, che ha dimostrato che non solo genera immunità al virus ma è anche sicuro per gli anziani.

La notizia che tutti ci aspettavamo

Recentemente sono stati rilasciati i risultati di una sperimentazione clinica condotta nel Regno Unito, dove è stato riferito che il vaccino creato da Oxford e AstraZeneca fornisce sicurezza e immunità a tutte le fasce d’età in cui il farmaco è stato applicato. È importante notare che hanno partecipato 560 persone e di queste 240 avevano più di 70 anni.

Un vaccino molto sicuro

Dottore che vaccina una nonna

I ricercatori hanno chiamato il vaccino “ChAdOx1 nCoV-19” e si sa che i suoi effetti collaterali non sono diversi da quelli di un vaccino di controllo nei bambini piccoli: affaticamento, mal di testa, febbre leggera o dolore muscolare. Questi sono sintomi che non si verificano in tutti i pazienti e che anche la maggior parte degli anziani che hanno partecipato alla sperimentazione non ha sofferto.

La vita normale si sta avvicinando

Scienziato con una siringa e un vaccino

ChAdOx1 nCoV-19 è passato alla fase III, ma non esiste una data esatta di distribuzione, tuttavia si stima che il farmaco verrà applicato in Europa tra gennaio e marzo del prossimo anno, e forse entro la fine della prima metà del 2021 potrebbe raggiungere i paesi d’America.