La tecnologia ci aiuta a rimanere in contatto con i nostri cari, soprattutto quando la distanza diventa un problema. E non c’è nient’altro che Altamir Soares de Oliveira vorrebbe in questo momento.

L’uomo di 77 anni ha perso il figlio in un incidente d’auto. Ora tutto ciò che gli resta sono sua nuora e nipoti, ma ha bisogno di un telefono cellulare per sentire le loro voci ogni giorno e far fronte al suo dolore.

La vita ha presentato suo figlio

Altamir è residente a Sirpha Lar Do Idoso, una casa per anziani situata nel sud del Brasile. In quel luogo conobbe Mario Júnior, famoso musicista che frequentava il manicomio per rallegrare i residenti con le sue melodie.

Hanno formato una bellissima famiglia

Altamir Soares de Oliveira

Mario “adottò” Altamir come suo padre e andava a trovarlo due volte a settimana, portandolo addirittura a casa a vivere con i “nipoti e nuora”. Erano praticamente una famiglia.

Tutto è cambiato quando Mario è morto lo scorso ottobre in un grave incidente stradale, lasciando un grosso buco nel cuore di Altamir; ora si sente molto solo.

Mi manca più che mai

Altamir Soares de Oliveira guarda le foto di suo figlio

Aveva sentito qualcosa. L’avevo sognato quella notte, che suonava e noi cantavamo. Penso a lui ogni giorno, chiedo al sacerdote di pregare per lui. Sogno che tu stia parlando con me.

-Altamir

Il contatto con la nuora ei nipoti avviene quasi quotidianamente attraverso un tablet che appartiene alla casa di cura, però lui vuole che il proprio cellulare comunichi con lei tutti i giorni.

Aspetta che Babbo Natale esaudisca il suo desiderio

Altamir Soares de Oliveira guarda le foto dei suoi figli

Ogni anno i residenti dell’asilo scrivono lettere a Babbo Natale per Natale e questi doni diventano realtà grazie ai donatori premurosi; Altamir non ha perso l’occasione di richiedere un cellulare per comunicare con la sua famiglia. Non ha bisogno di uno molto moderno, ha chiarito che un modello chiave è perfetto per lui. Si spera che questa tenera richiesta non tarderà ad arrivare.