La situazione estrema in cui vi trovate Australia ha fatto il giro del mondo e gli incendi devastanti hanno spazzato via tutto ciò che si trovava sul loro cammino, comprese le vite di 23 persone, animali, case e intere foreste.

Ecco perché mentre le cose stanno peggiorando in alcune parti dell’Australia, c’è chi deve continuare a lavorare per fermare tutto questo: sono i vigili del fuoco. Questa istituzione si è data completamente il compito di fermare questa catastrofe, ma sono già esausti e uno di loro ha perso la pazienza.

7NEWS

Temperature superiori ai 40 gradi centigradi e venti contrari sono diventati lo scenario peggiore per le migliaia di vigili del fuoco e riservisti che continuano a combattere gli oltre 200 incendi ancora attivi negli stati di New South Wales e Victoria.

A causa del lavoro estremo ed estenuante che fanno, un vigile del fuoco ha interrotto il notiziario locale 7NEWS per rivolgersi direttamente al primo ministro australiano Scott Morrison e mandarlo letteralmente all’inferno.

“Sei dei media? Dite al primo ministro di sparire e di andare all’inferno”.ha gridato il pompiere davanti alle telecamere della TV locale.

Secondo la stampa australiana, l’infuriato 57enne vigile del fuoco è svenuto per esaurimento poco dopo aver lanciato il suo reclamo e ha raccontato quanto sia stato difficile contenere le fiamme nella città di Nelligen, nel Nuovo Galles del Sud. Ha spiegato che nel suo villaggio ha già “perso 7 case e non ne perderà un’altra”.

Il vigile del fuoco si ferma per "mandare il diavolo" al primo ministro australiano. Sono tutti esauriti 4
7NEWS

La denuncia del vigile del fuoco a Morrison, che si è diffuso sui social network con oltre 2 milioni di visite, riflette il malcontento di gran parte del pubblico nei confronti del “premier”, che è stato criticato per la sua gestione nel rispondere lentamente all’emergenza.

Il vigile del fuoco si ferma per "mandare il diavolo" al primo ministro australiano. Sono tutti esauriti 5
AFP

La situazione è ancora incontrollabile e comprendiamo che a un certo punto potremmo tutti perdere la pazienza e il desiderio di continuare a perseverare.

Rallegratevi per tutti loro!