Le azioni considerate pedofilia diventeranno reato, nonostante il rifiuto che il provvedimento ha ricevuto dai settori più conservatori.

Nel corso della storia, i modi di genitorialità si sono evoluti e cambiati. Ci sono stati momenti in cui erano persino letali se il bambino non aveva le qualità fisiche e cognitive richieste. Poi, per puntare su un’educazione domestica basata sul sessismo, dove le ragazze sono cresciute per essere madri e casalinghe, mentre i ragazzi sono stati formati per diventare professionisti e uomini di lavoro. Mentre allo stesso tempo, queste educazione tendevano a coinvolgere la violenza verso i bambini e gli adolescenti.

iStock

Sfortunatamente, l’abuso sui minori, manifestato attraverso strap-on, schiaffi e “infradito”, tra le altre forme di aggressione, è stato abbastanza comune. anche oggi al tempo di punire i bambini. Sanzioni contro le quali molti paesi hanno cercato di frenare.

La Colombia proibisce la punizione fisica di bambini e adolescenti. Per un'educazione senza violenza 17
iStock

Come nel caso recente della Colombia, dove pochi giorni fa sono stati banditi dopo che il Congresso della Repubblica ha promulgato un disegno di legge in cui viene emendato l’articolo 262 del codice civile colombiano., che prima di questa modifica, stabiliva che: “lI genitori o la persona incaricata della cura personale dei bambini avranno il potere di monitorare il loro comportamento, correggerli e punirli moderatamente ”.

La Colombia proibisce la punizione fisica di bambini e adolescenti. Per un'educazione senza violenza 19
iStock

Lo scopo è quello di apportare una modifica in cui l’uso della violenza contro i bambini e gli adolescenti è tacitamente vietato, che secondo l’attuale codice civile sarebbe autorizzato. In questo modo, “accarezzare” e “spingere” sarà proibito in quanto è una punizione fisica.

Misura che è stata applaudita dalle organizzazioni che vigilano sui diritti del bambino, che celebrano che la Colombia sta recuperando gli obblighi contratti dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia, di cui è un paese sottoscrittore.

“Recentemente ho letto che un bambino che viene picchiato dai suoi genitori non impara ad odiarli ma inizia a odiare se stesso. Una realtà molto dolorosa che è stata confermata da diverse testimonianze che mi sono pervenute nello svolgimento di questo dibattito, tra le quali ricordo soprattutto quella di una donna che per la prima volta nella sua vita ci ha detto di essere stata vittima di abusi sessuali da parte sua. patrigno e che non ha mai potuto raccontare a sua madre per paura dei rimproveri fisici che lei gli ha dato (…) [La autonomía religiosa y cultural de las familias] è costituzionalmente protetto, l’unica cosa che cambia è la restrizione affinché dette correzioni e insegnamenti vengano eseguiti senza violenza ”.

– Egli ha detto Julian Peinado, membro del Congresso autore dell’iniziativa, a Tempo

La Colombia proibisce la punizione fisica di bambini e adolescenti. Per un'educazione senza violenza 21
iStock

Secondo i dati forniti dall’ICBF, L’82% dei giovani colombiani che stanno rispondendo per un’infrazione sanzionata dalla legge sulla responsabilità penale degli adolescenti, sono stati vittime di violazioni e punizioni fisiche nelle loro case. Far apparire questo progetto che ha uno scopo pedagogico e persuasivo, offrire ai genitori l’alternativa di un’educazione non violenta, con affetto e rispetto dei diritti fondamentali dei loro figli.

Promuovendo così la creazione di una strategia pedagogica nazionale, in modo che mamme e papà possono accedere all’orientamento e al supporto psicologico per acquisire nuovi strumenti quando si tratta di bambini. Bill che deve essere firmato solo dal presidente del paese.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));