• Il Cecil Hotel è il protagonista dell’ultimo vero crimine pubblicato da Netflix, ‘Crime Scene: Disappearance at Hotel Cecil’


  • Nella storia di questo hotel ci sono molti eventi misteriosi e macabri, che hanno ispirato una famosa serie televisiva

La cosa migliore degli hotel è che offrono uno spazio progettato per il riposo con tutti i tipi di comfort che di solito non abbiamo a casa nostra. Il peggio, il pensiero che ti passa per la testa di “chi è stato qui prima?”. Se hai la fortuna di trovare un buon hotel, pulito e confortevole, vivrai sicuramente un’esperienza piacevole. Ma se trovi un alloggio un po ‘regolare, con rumori strani, un po’ sporco e una storia raccapricciante, le tue vacanze potrebbero comunque essere rovinate!

Il Cecil Hotel è stato, per decenni, una delle strutture ricettive più famose del centro storico di Los Angeles, negli Stati Uniti. Fondato nel 1927, in uno dei periodi economici migliori del Paese, disponeva di 700 camere ed era destinato a fornire alloggio a chi si recava nella grande città per fare affari. Nello stesso anno si verificò in questo hotel il primo tragico evento, il suicidio di Percy Ormond Cook. Inizia la maledizione dell’Hotel Cecil.

Cecil Hotel, un luogo maledetto?

Le maledizioni sono una cosa fantasiosa, sì. Ma questo hotel a Los Angeles ha sempre avuto la sfortuna dalla sua parte. A due anni dalla sua apertura, arriva negli Stati Uniti il ​​cosiddetto crash del 29, un crollo del mercato che ha portato alla Grande Depressione. Questa crisi economica durò per tutti gli anni ’30 e se il cliente ideale, il viaggiatore, non poteva più soggiornare all’Hotel Cecil, doveva offrire altri tipi di servizi per rimanere aperto.

Negli anni ’30 il prezzo dei pernottamenti scese notevolmente e il Cecil iniziò a offrire soggiorni lunghi. Così, questo hotel iniziò ad accogliere quelle persone che non avevano abbastanza soldi per pagare l’affitto. Persone senza risorse, senza documenti o con problemi con la giustizia. In questi anni i suicidi sono continuati. Uno, in particolare, molto sanguinoso: il sergente Borden della Marina si è tagliato la gola con un rasoio.

The Cecil Hotel nel 2013Cordon Press

Con il passare degli anni questo luogo si è guadagnato una pessima reputazione, fino a quando alla fine degli anni ’60 il quartiere in cui è stato costruito questo imponente edificio, Skid row, è diventata l’area con più povertà e criminalità nella città di Los Angeles. Il Cecil Hotel era rimasto intrappolato in un ambiente che lo avrebbe danneggiato ulteriormente.

Anche se il primo omicidio al Cecil Hotel Fu commesso nel 1944, quando un padre gettò il figlio appena nato dalla finestra, fu nel 1964 che questo luogo fu segnato per sempre. In una delle stanze di questo hotel un operaio ha trovato il corpo senza vita di “Pigeon Goldie” Osgood, un operatore telefonico che era stato derubato, violentato, picchiato e accoltellato. Nessuno ha visto niente o ha potuto offrire indizi. Da questo momento l’hotel inizia a essere considerato un luogo buio e non solo i poveri o le persone con problemi iniziano a raggiungerlo, ma anche i criminali dove possono fare le loro cose in un ambiente dove nessuno fa molte domande.

Uno dei serial killer più famosi d’America ha soggiornato in questo hotel negli anni ’80. Richard Ramirez, ‘the night stalker’, si è recato a Los Angeles dove ha iniziato a uccidere senza un modus operandi, il che ha reso molto difficile il suo arresto. La sua ultima vittima è sopravvissuta, il che gli ha permesso di essere catturato comunicando alla polizia il modello e il colore del suo furgone. È stato condannato alla pena di morte anche se è morto per insufficienza epatica nel 2013.

Anche il 2013 è stato l’anno del la famosa scomparsa di Elisa Lam, un giovane canadese che, dopo aver compiuto 21 anni, ha voluto fare un viaggio da solo attraverso la California.

Elisa Lam, la scomparsa virale al Cecil Hotel

Nel febbraio 2013, la polizia ha riattaccato Internet uno strano video di una giovane donna in un ascensore. Ai cittadini è stato chiesto aiuto per aiutarlo a risolvere il mistero della scomparsa di quella ragazza, e quelle erano le ultime immagini che si avevano di lei. Spaventato, confuso, cercando di usare l’ascensore al Cecil Hotel. Le immagini hanno fatto il giro del mondo. Giorni dopo, il suo corpo è stato trovato in uno dei serbatoi d’acqua dell’hotel. Ve lo diciamo in questo video:

La maledizione del Cecil Hotel 4

La strana scomparsa di Elisa Lam

La piattaforma di contenuti audiovisivi Netflix ha recentemente pubblicato il documentario ‘Scena del crimine: scomparsa all’Hotel Cecil’, che include il processo di indagine su questa scomparsa e le conclusioni degli investigatori.

Inoltre, questo particolare hotel è servito anche da ispirazione per i creatori della serie “American Horror Story: Hotel”, uscito nel 2015. All’Hotel Cortez, a Los Angeles, luogo costruito da un magnate che si è rivelato un serial killer, accadono troppe cose strane, senza contare che i suoi residenti, nonostante il fascino e il denaro, regalano cattivo tiro. In questa stagione, Lady Gaga ha interpretato La Condesa, una donna ricca, amante della moda e assetata di sangue.