In questo anno, in modo atipico, l’ormai famosa dimostrazione di Orgoglio LGTBIQ+ di Madrid è un altro degli atti che festeggiare questo entro il 2020 di modo online. Sì, anche il coronavirus è riuscito a rallentare a una rivendicazione importante come questo.

In un primo momento si pensava che l’opzione migliore è di rinviare la celebrazione, ma alla fine il Comitato Organizzatore del Pride Stato di LGBTI, con l’incertezza di non sapere cosa abbiamo in archivio i prossimi mesi, ha deciso che sarà effettuato in modo virtuale il prossimo sabato 4 luglio alle ore 19:00.

Il motto con il quale è tenuto questa edizione della manifestazione, che potrà essere seguito in diretta attraverso il sito web dell’Orgoglio 2020, è: ‘Sorellanza e il femminismo di Trasformazione. Donne, lesbiche, trans e bisessuali in azione!!! Per i più vulnerabili!’.

Quest’anno la rivendicazione di Orgoglio, si è focalizzata sulla la visibilità della comunità trans che richiedono specifiche misure volte ad alleviare gli effetti della pandemia coronavirus, così come richiedono l’approvazione dell’Integrale Legge Trans e di Uguaglianza Sociale e la Non Discriminazione delle persone LGBTI e dare voce a una doppia discriminazione subita dalle donne, lesbiche, trans e bisex.

Questa concentrazione è uno dei tanti eventi che si sono tenuti nel corso di questi mesi, con un motivo di Orgoglio LGBTIQ+.

Una delle affermazioni che sta andando a prendere il posto di quest’anno, attraverso la manifestazione di sabato prossimo, 4 luglio, è quello che ha a che fare con la sanità e di crisi come questo essa ha colpito ancora di più persone nel gruppo LGBTIQ+ che ancora quotidianamente convivono con situazioni di discriminazione.

Alcune di queste situazioni di vulnerabilità e di disuguaglianza sono quelli che soffrono “molti trans donne, costrette a sesso, il lavoro di frequente la transfobia nel mondo del lavoro sono attualmente in situazioni di estrema necessità, come lo stato di allarme che rende impossibile continuare a sviluppare le attività che garantiscono loro il reddito per sopravvivere giorno per giorno e molti di loro stanno avendo problemi di soddisfare i loro bisogni fondamentali di cibo, alloggio, etc.”, ha detto che il Comitato Organizzatore del Pride di Stato delle persone LGBTI.

Altre situazioni che pretendono di report sabato durante la dimostrazione è che il bull run ha aggravato la salute fisica e mentale delle persone LGTBIQ+ che vivendo con le famiglie che non rispettano il loro orientamento sessuale e/o identità genere.

Pertanto, quest’anno, sostiene che più e più popolare, oltre che avere a che fare con i problemi originati dalla crisi del coronavirus, e cosa questo ha significato per molte persone nel gruppo.

L’Orgoglio del 2020 non è ancora finito. Anche se la maggior parte degli eventi convocata per commemorare questo giorno si sono già svolti, si può ancora godere (online) di alcuni atti come: