• Cosa devo fare se ho bisogno di uno psicologo ma non ho soldi? Quello che posso giudicare se nella prima sessione di grido? Di cosa parleremo di cose molto intime? Oggi vedremo di risolvere tutti questi dubbi e di più

La prima visita con lo psicologo è una situazione decisivae la paura dell’ignoto può causare un sacco di persone che hanno bisogno di terapia non hanno il coraggio di chiedere aiuto. Come tutto nella vita, pesano di più le nostre aspettative e le precedenti sentenze di questa realtà, e all’uscita della prima query, i nervi a svanire. Tuttavia, sarebbe l’ideale sapere quello che si perde la paura a lungo prima di e di essere in grado di andare da uno psicologo, come abbiamo notato che ciò di cui abbiamo bisogno.

I nervi erano somma andare da uno psicologo è ancora un tabù per molte personein particolare, nella “tradizionale” famiglie, o nelle piccole città e nei villaggi, dove tutti sanno di tutti. Nessuno nasconde che prima di andare dal dentista, dall’oculista o il medico, ma chiedere un aiuto psicologico sembra essere un “crimine”, quando in realtà è qualcosa che la maggior parte delle persone dovrebbe fare almeno una volta nella vita.

Come l’unico modo per rompere lo stigma e la paura è che ci dice, oggi Yasss abbiamo raccolto alcuni consigli per sapere cosa aspettarsi durante il primo colloquio di psicologo.

Il passaggio precedente: scegliere un professionista

Quando andiamo dal dentista, per rivedere la vista o a farci un’analisi del sangue, dà a noi come noi partecipare a un professionista o da altro. Tuttavia, in psicologia è fondamentale per un buon collegamento tra il paziente e il terapeutaabbiamo bisogno di fermarsi e riflettere prima di andare dallo psicologo, che ci ha raccomandato il cugino del nostro amico o il primo nelle raccomandazioni di Google.

In generale è molto meglio la terapia faccia a faccia. Consultazioni da parte di Skype, può essere utile per la finale sessioni, quando la cosa importante è quello di mantenere il miglioramento e per evitare la ricaduta. Tuttavia, all’inizio è ideale per eseguire un intervento di faccia-a-faccia.

Un eccezione è quando ti connetti con un psicologo perché è come loro metodi, e l’unica opzione praticabile è quello di condurre la terapia on-line, perché vivono in diverse città. Anche così, è preferibile contatto diretto.

  • Scegliere un professionista qualificato

Come in altri settori della salute, in psicologia è in grado di produrre trascurare. Che è il motivo per cui è essenziale scegliere un terapeuta certificati e addestrati. Se si sospetta che si dispone di un disturbo psicologico o una difficoltà che sta causando disagio, mettersi nelle mani di uno psicologo o di uno psichiatra. E ‘ meglio spendere il ‘coaching’ per la moda.

  • Ho bisogno di uno psicologo, ma non ho soldi

Per fortuna ci sono sempre più opzioni per i disoccupati o studenti. Da un lato, nella sanità pubblica ci sono psicologi. Basta andare dal medico e chiedere di derivare. Il problema è che in alcune città le liste di attesa sono lunghe, nel qual caso ci sono altre alternative.

Molti università offrire supporto psicologico ai loro studenti, ma ci sono anche associazioni libere e private, centri di che offrono la terapia adeguando i prezzi al livello di reddito dei pazienti.

Affrontare la prima sessione: domande frequenti

  • Che cosa ho intenzione di dire a tutti i miei traumi nella prima sessione?

Per niente. La terapia è un processo graduale e nella prima sessione di domande potranno essere semplice. Per esempio, dato che quando si sentono in questo modo, se ti hanno chiesto un aiuto professionale prima, se questa è la prima volta che ti succede, quali sono i tuoi sintomi, ecc

Non ha senso approfondire significati nascosti e traumi del passato, perché lo psicologo a malapena conosce. Inoltre è possibile costruire la casa dal tetto, quindi è meglio avviare la condivisione di tutti quei problemi che si hanno nel presente e come si influenzano, progressivamente andare a cercare l’origine e il modo di gestirla.

  • Quello che cercherò di fare domande intime?

Nella prima sessione, tutto sarà molto lucecosì che cosa è più probabile è che non c’è questione di particolare complessità o di intimo. Anche così, prima o poi sarà necessario toccare su questi argomenti, come lungo come essi influenzano la vostra salute mentale, ma tu sei quello che decide cosa conta e cosa no, e quando farlo. Marchio proprio ritmo e se la sessione si supera, fargli sapere che allo psicologo.

La mia raccomandazione è che si essere sincero a tutti i tempi. E ‘ meglio dire “preferisco non parlare di questo argomento proprio ora di dire una bugia, perché alla fine nascondere le parti più importanti della vostra vita danneggia solo te.

La prima volta in un psicologo, risolvere tutti i tuoi dubbi 6
  • Cosa succede se inizio a piangere e non riesco a pensare a cosa dire?

Assolutamente non accade nulla. Anche il più indisturbati gridano in terapia. Il fatto di dire ad alta voce tutto ciò che ci porta ad essere preoccupato per mesi è già un esercizio psicologico brutale. Significa riconoscere che la situazione non sta andando bene, non si può gestire da soli, e che sono stati in grado di chiedere aiuto. Il più normale è quello di ottenere eccitato! E se noti che il tuo psicologo di giudici o chiamate è esagerato, prendere in considerazione un cambiamento di carriera. Nessuno dovrebbe ridurre al minimo le vostre emozioni.

Il rispetto per rimanere in bianco, è più difficile da passare. Si può costare sai da dove iniziare, ma una volta che si inizia a desahogarte la sessione sarà girato. Anche così, un trucco è quello di scrivere su un foglio di carta o nel blocco note del cellulare, i temi più importanti che si desidera discutere con lo psicologo, il giorno prima della prima sessione.

  • Fa lo psicologo sa per quanto tempo la terapia?

Lo psicologo può avere un’idea stimato che cosa sta andando a durare per la terapia, ma di solito è meglio non dare date precise per evitare di creare aspettative. Per esempio, se si dice che in casi simili la terapia della durata di 6 mesi e il quinto mese, non è ben note a tutti, si corre il rischio autoculparte e il trattamento peggiore.

Ricordate che ogni paziente è un mondo e, alcune, di vedere un miglioramento in 4 sessioni, alcune in 10 e altri 30. Non confrontare se stessi con gli altri.

Non solo è possibile, ma si. Se non ti piace qualcosa o pensare che può essere migliorato, fargli sapere il vostro terapeuta. Gli psicologi non sono dèi, conoscitori della verità assoluta. A volte sbagliamo, proponiamo in ipotesi di sbagliato o utilizziamo strumenti con un paziente che non finiscono di lavoro. Se questo accade, chiedere loro di cambiare il metodo.

  • Come tutto quello che dici è riservato?

Sì, tranne che per quei pazienti che sono stati di cui lo psicologo da un istituto di giustizia. Se questo non è il vostro caso, si può essere tranquillo. Tutto quello che dite sarà riservata.

La prima volta in un psicologo, risolvere tutti i tuoi dubbi 7

Non solo gli adulti hanno il diritto alla riservatezza, ma i minori, anche. Il tuo psicologo non può dire ai tuoi genitori che cosa sta accadendo all’interno della sessione, a meno che non c’è possibilità di suicidio o di abuso sessuale. In questi casi, il terapeuta tende a lavorare con il bambino in modo che egli è colui che ha la situazione per i loro genitori, ma se c’è un rischio per la vita del paziente può rompere la riservatezza.