La vita di tutti ha preso una svolta di 180 ° negli ultimi mesi: abbiamo imparato a lavorare da casa, prendere lezioni online e persino tenere riunioni con amici e familiari tramite videochiamata a causa della contingenza Covid-19.

Per Kristina, una giovane donna con sindrome di Down, questa situazione ha colpito anche lei, poiché ha perso il lavoro di volontaria in un asilo nido, inoltre, ha dovuto imparare a fare qualcos’altro con tutto il tempo libero che aveva e quello che ha ottenuto è sorprendente: ora possiede la sua attività.

Una giovane donna con grandi sogni

Kristina e la sua famiglia sono originarie del North Carolina, negli Stati Uniti e sebbene abbia la sindrome di Down, tutti i suoi conoscenti sanno che è in grado di fare tutto ciò che si propone di fare nella vita. Nel 2019, si è diplomata alla South View High School e ha iniziato come volontaria in un asilo nido in città, tuttavia, la chiusura a tempo indeterminato di scuole e attività a causa della situazione nel mondo l’ha costretta a smettere di essere attiva come Prima, cosa che all’inizio gli piacque, ma in seguito iniziò la noia, motivo per cui chiese alla sua famiglia di iniziare qualcosa di nuovo.

Ha i suoi affari!

Kristina nel suo carrello del caffè dopo aver servito alcuni clienti

Dopo alcuni mesi di reclusione, Kris ha deciso che era ora di innovare, così è stato inaugurato il 20 agosto 2020 Kristina’s Grinds and Grace, una piccola attività di caffè che è servita da distrazione e apprendimento. Nonostante gli orari di apertura siano brevi, dal lunedì al venerdì lavora dalle 15:00 alle 17:00 e il sabato dalle 10:00 alle 12:00, si diverte e ha imparato ad essere più socievole Ha anche nuovi amici.

È più felice che mai

Kristina nel suo carrello del caffè dopo aver servito una famiglia

Ora che Kristina ha la sua attività, che è stata molto popolare, ha deciso di includere t-shirt e thermos nelle sue vendite, sapendo che potrebbero piacere anche ai clienti, ha la ferma intenzione di avere una sua caffetteria e sa che avere iniziare con un coffee cart è solo l’inizio di una grande avventura e, se non bastasse, vuole che anche i suoi dipendenti siano ragazzi come lei: con capacità diverse ma disposti ad andare avanti nonostante tutto.

Congratulazioni, Kristina!