Martina, Brisa, Lourdes, Victoria e Kiara hanno tra i 7 e i 10 anni. Hanno aperto un negozio per strada con una bancarella da vendere.

Molte volte le opinioni e le azioni dei bambini sono sopravvalutate, ma la verità è che hanno molto da insegnare agli adulti. Non c’è dubbio che abbiano un cuore molto più grande e disinteressato di noi.

Martina, Brisa, Lourdes, Victoria e Kiara sono i migliori amici e vicini di casa in un quartiere della città di Tapalqué, Buenos Aires. Il gruppo di ragazze, dai 7 ai 10 anni, è diventato virale quando hanno allestito una bancarella sul marciapiede per vendere i loro disegni. L’obiettivo? Raccogliere fondi per comprare cibo per cani sconosciuti.

Infocielo

Lourdes ha iniziato la crociata di solidarietà e i suoi amici hanno deciso di partecipare immediatamente. Ha preso le sue matite colorate, le foglie e ha dipinto molti quadri diversi. Sua madre gli chiese cosa stesse facendo e lei rispose che intendeva venderli a 10 pesos ciascuno per raccogliere fondi e mangiare cibo per i cani.

Le ragazze vendono i loro disegni per comprare cibo da cani randagi. Con il loro grande cuore danno l'esempio 10
Infocielo

Le ragazze hanno usato tutta la loro creatività per iniziare la loro proposta: hanno appeso i disegni a una tenda e li hanno offerti ai loro vicini. Si trovano nella via 25 de Mayo, tra Martín Fierro e Bioy.

Lo spirito generoso del gruppo ha sciolto i social network, che sono stati toccati dalla preoccupazione delle ragazze per i cani di passaggio nel loro quartiere. Sono stati loro a prendere la decisione al cento per cento in modo indipendente, senza l’intervento dei genitori.

Le ragazze vendono i loro disegni per comprare cibo da cani randagi. Con il loro grande cuore danno l'esempio 12
Infocielo

I cani erano davvero felici e grati con tanto amore. Da parte loro, i genitori delle ragazze hanno mostrato il loro orgoglio con il bel gesto delle loro figlie.

Le ragazze vendono i loro disegni per comprare cibo da cani randagi. Con il loro grande cuore danno l'esempio 14

I bambini sono davvero un modello da seguire!