Krysta Meyer, la madre del bambino, lo ha iscritto a lezioni di nuoto di “autosoccorso” fintanto che impara a sviluppare il suo istinto di sopravvivenza in caso di incidente in acqua. Ma condividendo un video della classe su TikTok, molti hanno trovato il metodo estremamente pericoloso e disumano.

Vale la pena menzionarlo nessuno di noi è quello che parla della maternità degli altri, o il modo in cui padri e madri allevano i loro figli. Certo, ci sono minimi comuni che non possono essere persi, ma Questo metodo ha generato molte polemiche sui social media.

Si scopre che Krysta meyer, una donna statunitense, ha iscritto il suo bambino Oliver in classi di nuoto “autosoccorso” a giugno quelli che si allenano bambini fino a sei mesi così possono salvati da un possibile annegamento per conto proprio.

Come lo fanno? Lanciarli – sì, lanciarli – nella piscina dall’esterno e permettendosi di posizionarsi correttamente quando affiorano.

TikTok: @ mamma.of.3.boyss

Tenendo conto di quel piccolo Oliver solo due mesi quando sua madre ha pubblicato il controverso video su TikTok, l’idea suona piuttosto spaventosa. Ma l’età del bambino non aveva importanza: nel registro, puoi vedere come l’istruttore lo tiene fuori dalla piscina, e poi gettalo nell’acqua come se fosse un piccolo pacchetto.

Una volta in acqua, Oliver trascorre alcuni secondi tesi sott’acqua prima di riemergere, con la faccia di non sapere cosa diavolo stesse succedendo. Proprio in quel momento, l’istruttore entra in acqua e lo prende tra le braccia, mentre la mamma registra con orgoglio da fuori.

“Oliver mi stupisce di più ogni settimana! Non riesco a credere che abbia appena due mesi e stia andando avanti così in fretta. È un pesce piccolo ”.

—Krysta Meyer, la mamma di Oliver, su TikTok—

Le reti sono esplose di rabbia alla lezione di nuoto di questo bambino di 2 mesi.  Lo gettano in piscina 9
TikTok: @ mamma.of.3.boyss

Come era previsto, la tecnica ha inorridito diversi netizen, cosa hai pensato stavano torturando il bambino più che insegnargli a nuotare. In effetti, molti di loro hanno espresso il loro disagio per la situazione di tensione e l’irresponsabilità della madre approvando questi tipi di metodi nel tuo bambino.

“Il bambino non sta nuotando, sta combattendo per la sua vita”ha commentato un utente, mentre un altro lo ha notato “Tutto è divertente e ludico, finché non esce il bambino.”

Inoltre, alcuni professionisti della salute hanno raccomandato di non esporre i bambini a queste pratiche, poiché potrebbero generare traumi gravi in ​​una delle fasi più formative della loro vita.

D’altra parte, chi difende il nuoto “autosoccorso” lo commenta in questo modo si sviluppa l’istinto di sopravvivenza dei bambini, essere in grado di uscire da situazioni pericolose da soli.

La verità è che non lo sapremo finché non potremo vederlo con i nostri occhi, ma dobbiamo ammettere che le immagini sono piuttosto agghiaccianti. Speriamo che il bambino non abbia conseguenze future.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));