C’è una serie di testimonianze e video che mostrano come questi animali siano stati violentati in presenza degli stessi turisti. Organizzazioni come PETA hanno spinto per questa misura, che sostituirà questi esseri viventi con auto e autobus elettrici.

Buone notizie sono arrivate dagli amanti degli animali in Africa e più precisamente in Egitto. Perché l’autorità preposta al benessere di molti esseri viventi che sono abituati a ricevere e trasportare visitatori, ha annunciato una misura che cerca di proteggerli dagli abusi. Da quando il ministero egiziano del turismo ha annunciato di essere a favore della cura degli animali e sta progettando di vietare le passeggiate a dorso di cammello e a cavallo a Giza, vicino alle piramidi e ad altri siti archeologici molto tipici della zona.

Pixabay

Misura che è stata celebrata da molti, A causa del fatto che cammelli e cavalli venivano utilizzati per le passeggiate dei visitatori nei principali siti turistici dell’Egitto, dove oltre a soffrire il caldo torrido, la mancanza di accesso al cibo, all’acqua e all’ombraSono stati anche vittime di attentati, feriti causati dalle infrastrutture del settore e altre forme di abuso. Un risultato che soprattutto è stato molto applaudito da PETA Asia, organizzazione che vigila sui diritti degli animali, che per un anno ha condotto una campagna contro i terribili abusi che questi esseri viventi hanno sofferto.

L'Egitto vieterà le passeggiate in cammello per visitare le piramidi.  L'abuso non sarà più tradizione 13
iStock

Come affermato sul suo sito, PETA Latino, nella loro ricerca, l’hanno scoperto Cammelli, cavalli e asini costretti a trasportare visitatori in Egitto sono stati vittime di scivoloni, cadute e colpi con chi voleva che continuassero a camminare oltre il punto di sfinimento. Ad esempio, un lavoratore è stato ripreso dalla telecamera mentre frustava senza pietà un cavallo caduto per strada.

L'Egitto vieterà le passeggiate in cammello per visitare le piramidi.  L'abuso non sarà più tradizione 15
iStock

Inoltre, molti dei cammelli utilizzati per le passeggiate nei siti archeologici, vengono acquistati al mercato dei cammelli di Birqash, dove vengono picchiati fino a sanguinare. A seguito di questa indagine, tre commercianti di cammelli sono stati arrestati, che, oltre ad essere multato, rischierebbe una pena detentiva fino a sei mesi.

PETA Asia è riuscita a convocare quasi mezzo milione di persone che hanno inviato lettere al Ministero egiziano del turismo e delle antichità per fermare questo maltrattamento. Inoltre, i rappresentanti di questa organizzazione si sono incontrati con i funzionari del governo per porre fine a questi abusi contro cammelli, cavalli e asini. Ottenere un anticipo che oggi è celebrato da molti, e che consentirà a questi animali di essere sostituiti da autobus e altri veicoli elettrici.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));