• La famiglia di Lola ha escogitato un piano per far sentire tutti più vicini mentre cenano la vigilia di Natale anche se sono separati


  • Questo insegnante sottolinea quanto sia importante che quest’anno cerchiamo di ridurre al minimo i rischi interagendo con il minor numero di persone possibile

Il Natale È proprio dietro l’angolo, non c’è più niente per festeggiare Cena della vigilia di NataleAnche se quest’anno, a causa della pandemia, sarà molto diverso da quello a cui eravamo abituati. Non potremo riunire più di sei persone, dovremo indossare la maschera mentre non stiamo mangiando e fare a meno degli abbracci … Non saranno pochi semplici giorni, ma dovremo fare tutto il possibile per cercare di fermare la diffusione del coronavirus.

Le riunioni di famiglia e di amici saranno molto diverse quest’anno; Lo hanno inoltre sottolineato il ministro della Salute e l’Organizzazione mondiale della sanità Idealmente, sia la vigilia di Natale che la vigilia di Capodanno, ognuno cenare con le persone con cui convive e il viaggio era limitato il più possibile.

Con queste raccomandazioni e le misure che ogni comunità autonoma ha imposto, l’obiettivo è evitare un rimbalzo di infezioni e che ci sia una terza ondata nel nostro Paese. Ora che si avvicina la vigilia di Natale, un’insegnante e scrittrice per bambini voleva condividere con i suoi follower su Twitter come festeggerai la vigilia di Natale nella tua famiglia e cercherai di ispirare altre persone che non sanno cosa fare per sentire i propri parenti vicini in lontananza.

Il piano di questa famiglia è diventato virale

Lola Cabrillana è un’insegnante e scrittrice per bambini che ha condiviso un thread sul suo profilo Twitter in cui Racconta come la tua famiglia celebrerà la cena della vigilia di Natale quest’anno. Questa idea ha incantato migliaia di utenti che hanno condiviso questo thread, rendendolo virale in un paio di giorni.

L’insegnante ha iniziato questo thread spiegando che tutti nella sua famiglia cucinano e, quindi, ogni anno ognuno porta un piatto diverso, “a volte è l’unica volta dell’anno in cui mangerete quel piatto” poiché “ognuno ha una specialità”.

Quest’anno, non potendo riunirsi per assaggiare i deliziosi piatti che tutti loro hanno preparato, hanno ideato un piano che consiste in “Ciascuno deve fare nove piccoli tupperware con il cibo che ha.”

Tutto è super ben organizzato, poiché le targhe saranno numerate in modo che in tutte le case si inizi e si finisca con la stessa targa. Inoltre, sarà uno dei cugini del protagonista (che non cucinerà) il incaricato di andare con il suo furgone a distribuire i piatti a tutte le case.

Norme minime per cucinare

Questa famiglia non ha perso un solo dettaglio nella sua pianificazione. Non hanno solo organizzato la distribuzione, ma anche le regole per la cottura dei piatti. “Devi metterti la maschera per cucinare. E il tupperware deve essere consegnato sigillato con carta trasparente, ci fidiamo poco del corriere “, scrive Lola.

Grazie a questa bellissima e originale idea “le mie nipoti avranno il mio dolce come ogni anno. Mangerò le tartine di mia zia. E avrò gli avanzi fino a Capodanno. E sai una cosa, lo stesso l’importante quest’anno è non cenare insieme. L’importante è PRENDERSI CURA DI NOI STESSI insieme “.

Lola è chiara al riguardo, quest’anno dovranno fare a meno di abbracci e riunioni di famiglia, ma non condividere con loro dettagli come il cibo. Inoltre, per sentirci un po ‘più vicini possiamo sempre tornare indietro alle ore di videochiamate che abbiamo fatto durante la quarantena e cantare canti natalizi tramite Zoom.