La perdita di un bambino è così grande che non c’è la parola esatta per definire questo dolore; tuttavia, ci sono quelli che passano attraverso questa terribile esperienza e sono in grado di trasformare la tristezza e il vuoto in una realtà più piacevole e sopportabile.

Tale è il caso di Giovanna Donaldson e John Van Voorhees, che ha piantato un campo di papaveri di più di un ettaro in memoria di suo figlio adottivo, Matthew Donaldson.

Un modo per dire addio

Matthew Donaldson, il figlio adottivo di Joan Donaldson e John Van Voorhees, stava lavorando come un apicoltore in una fattoria, dove ha avuto una vita tranquilla, lontano dai problemi e vicino alla natura. Tutto è cambiato drammaticamente, quando fu redatto e inviato al conflitto armato tra l’Afghanistan e gli Stati uniti, un fatto che ha causato lo stress post-traumatico, depressione e ansia, le condizioni che hanno portato al suicidio.

I suoi genitori, aveva il cuore spezzato e un capannone di migliaia di lacrime, ma sapevano di non poter andare avanti, che non è qualcosa che il vostro bambino sarebbe piaciuto avere; così hanno creato un lavoro nella sua memoria, e sapendo che Matteo è piaciuto lavorare con le api, ha deciso di seminare papaveri nel cimitero di Fennville, ottenere un campo con le tinte di rosso, viola e bianco.

In memoria di una persona cara

Joan Donaldson e John Van Voorhees mostrando il suo campo coperto in papaveri

Si tratta di un campo di ettari e mi pianta papaveri in autunno. Abbiamo deciso di creare un campo di papaveri in memoria di lui, perché tutti questi fiori nutrire le api e le farfalle che ho amato così tanto per prendersi cura di.

—Joan Donaldson

La tomba di Matteo è solo 61 metri di campo di papaveri. I suoi genitori assicurarsi che si prende cura di tutti i fiori, animali e insetti nel luogo.

Un sito pieno di pace

Donna di scattare foto in un campo di papaveri

Il campo è diventato un luogo di turismo a causa del colore dei fiori, ma è anche un sito in cui le famiglie del veterans memorial trovare un momento di pace, di riflessione e di tranquillità con i propri cari.