Li ha messi in fila prima di entrare nella stanza e, lungi dall’essere delicati, ha strofinato con forza il panno per rimuovere tutto. Dicono che abbia abusato dei suoi poteri.

Molte scuole e college in tutto il mondo hanno i propri regolamenti, dove alcune cose sono proibite. Generalmente dovresti indossare un’uniforme, con scarpe nere, capelli corti e molte altre formalità per ragazze e ragazzi. Molti dicono che queste sono pratiche obsolete e maschiliste, che dovrebbero essere nel passato. Per tutto questo, il video di questo professore ha generato polemiche.

Si tratta di un maestro cinese, dal Secondario 3 a partire dal Sansui, dove è stato registrato mentre lavava i volti dei suoi studenti di trucco. Con un panno e acqua, ha passato il panno su tutti i volti e con sufficiente forza, senza alcun rispetto. Lo accusano di assumere attribuzioni che non gli corrispondono, abusando del suo “potere”.

Qui condividiamo il video:

Il video corrisponde all’anno scorso, ma fino ad oggi genera polemiche. La cultura cinese è piuttosto tradizionale per alcuni aspetti, anche essendo classificata come macho.

L’insegnante può essere visto ridere, chiacchierare con altri colleghi e godersi il suo ruolo. D’altra parte, le giovani donne sembrano sconvolte, con buone ragioni.

Screenshot (YouTube ハ ヤ ブ サ リ ュ ウ (Happiness))

Secondo vari resoconti dei media, l’insegnante non ha usato parole molto gentili per rimproverare i suoi studenti. Così li ha messi in fila, aspettando il loro turno, per farsi avanti e farsi pulire.

Secondo quanto riferito, la scuola ha rapidamente informato la comunità sulla procedura. Hanno affermato che i loro studenti devono conoscere i regolamenti, dove è chiaramente stabilito che possono aiutarci con il trucco.

Ok, sembra logico, ma era il modo corretto per correggerli?

L'insegnante di cinese genera indignazione lavando i volti degli studenti con il trucco.  Ha usato uno straccio e dell'acqua 9
Screenshot (YouTube ハ ヤ ブ サ リ ュ ウ (Happiness))

E i social network erano a favore delle ragazze, anche se c’erano anche utenti che giustificavano l’insegnante, congratulandosi con lui per aver svolto il suo lavoro di insegnante.

Senza dubbio, fino ad oggi il fatto continua a generare dibattito. Cosa faresti?

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));