Mattel aggiunge all'inclusione, creano bambole genderless 1

Mattel aggiunge all’inclusione, creano bambole genderless

Viviamo nell’era dell’inclusione e anche se molte persone si rifiutano di accettare il cambiamento, è importante rendersi conto che tutti abbiamo gusti, culture, costumi, idee, ecc. E nello stesso modo, la società Mattel è consapevole della situazione ed è per questo che ha creato la prima bambola neutra di genere.

Con questa proposta sperano di eliminare i tabù sul fatto che le ragazze debbano giocare con certi tipi di giocattoli e ragazzi con altri. Per Mattel, i giocattoli “sono un riflesso della cultura e come il mondo cambia sentiamo che è il momento di creare una linea di bambole senza etichetta”.

Le bambole possono essere ragazze o ragazzi… o nessuno

Mattel ha chiamato “bambole neutre” e con loro l’azienda vuole rompere i tabù del mondo con bambole che sono state create con cura per non rivelare un genere ovvio.

Addio alle tradizionali Barbie e Ken

Mattel aggiunge all'inclusione, creano bambole genderless 2

Le labbra non sono molto imbottite, le ciglia non sono lunghe né ingombranti e le mascelle non sono spesse nelle loro specifico. Inoltre non hanno seni come le bambole Barbie originali, e non hanno corpi da palestra e spalle larghe come Quello di Ken.

Invece, sono sottili e hanno i capelli corti, che sono anche dotati di parrucche diverse e un guardaroba vario che comprende felpe con cappuccio, pantofole, t-shirt e jeans in colori neutri in modo che i bambini possono fare le proprie combinazioni di stile.

Mattel ha fatto ampi test di accettazione

Ragazza giocando con una delle prime bambole di Mattel senza sesso

Sono stati testati con più di 250 famiglie in sette stati dell’Unione Americana, tra cui 15 bambini che si identificano come genere trans, binario o fluido, che raramente viene preso in considerazione dai media o dai negozi di giocattoli. Monica Dreger, direttrice dell’informazione dei consumatori della Mattel, dice di aver ricevuto risposte positive:

C’erano un paio di bambini creativi di genere che ci hanno detto che temevano il giorno di Natale perché non sapevano cosa avrebbero ottenuto; garantire che il Natale non è stato fatto per loro. Questa è la prima bambola che puoi trovare sotto l’albero e vedere cosa è per loro, perché può essere per chiunque.

 Ragazza che gioca con una delle prime bambole senza genere di Mattel

I manager hanno scoperto che i bambini della generazione Alpha erano sconvolti da etichette e mandati, indipendentemente dall’identità di genere o da come giocare:

Al alla fine erano felici di una bambola che non aveva nome e che poteva essere trasformata e adattata secondo i loro capricci.

C’è già uno spot per promuoverli

Creatable World

Nel nostro mondo, le bambole sono illimitate come i bambini che giocano con loro. Introducendo #CreatableWorld, una linea di bambole progettata per tenere le etichette fuori e invitare tutti a entrare. #AllWelcomeShop ora: http://bit.ly/CWMattel

Posted by Mattel martedì 24 settembre 2019

Lo spot per pubblicizzare il prodotto presenta un certo numero di bambini che utilizzano diversi pronomi: lui, lui, loro, ecc.

Una linea di bambole progettate per tenere le etichette e invitare tutti ad averle.

L’azienda scommette che sarà un successo. È possibile acquistarli per 29,99 dollari.

Controlla anche

15 Alberi di Natale neri per le anime oscure 6

15 Alberi di Natale neri per le anime oscure

Questo Natale dire addio alla tradizionale decorazione natalizia. Secondo l’interior designer María Adelaida Rodrigo, il …

Nuovi stivali Ugg in peluche per eliminare il freddo 7

Nuovi stivali Ugg in peluche per eliminare il freddo

Gli Uggs sono da anni oggetto di critiche per il loro design, ma nonostante i …

Ha messo la sua faccia enorme in costume da bagno e l'ha dato alla sua ragazza per evitare che la guardassero sulla spiaggia. 8

Ha messo la sua faccia enorme in costume da bagno e l’ha dato alla sua ragazza per evitare che la guardassero sulla spiaggia.

Patty, la ragazza di Pedro Cuccovillo Vitola, è una fan dei bikini ed è anche …