“Potrebbe mettersi un sacco di patate e apparirebbe sexy”, “Sicuramente voglio essere suo allievo”, “a chi non piace coprirsi gli occhi”, sono stati alcuni dei commenti che la community ha fatto in questi giorni dopo l’insegnante sudafricana Lulu Menziwa farà scalpore sulle reti con le sue fotografie in classe.

Lulu menziwa Probabilmente è una delle insegnanti più citate su Facebook. In precedenza te ne abbiamo parlato, dopo che le reti l’hanno criticata per una fotografia che ha pubblicato sul suo Twitter, insegnando con abiti che molti definiscono “provocatori per i loro studenti”. Per un gruppo di persone il look che indossava le faceva sembrare sexy, altri la ripudiavano completamente e c’era anche chi la difendeva, trovando i suoi vestiti abbastanza normali.

Lulu menziwa

Dopo un articolo in cui abbiamo mostrato 14 foto che l’insegnante ha nelle sue reti, il dibattito si è generato anche nella comunità Upsocl, dove le opinioni si sono scontrate, dimostrando la visioni diverse che esistono intorno a ciò che può essere considerato “codice di abbigliamento”. Dall’indossare un berretto ai jeans attillati facevano parte di ciò che è stato discusso finora.

“Può vestirsi e mostrare quello che vuole ma ci sono momenti e luoghi in cui non regala, per esempio, una scuola. Non si tratta di ciò che mostra o no, si tratta di localizzarsi “.

–María Alejandra in Upsocl–

"Non è colpa sua se ha quel corpo fantastico": Il dibattito che l'insegnante sudafricana ha suscitato con i suoi vestiti 33
Lulu menziwa

Altri invece ritengono che nessun codice morale dell’abbigliamento sia infranto, perché il problema non è quello che indossa ma il suo corpo, e questo “non è criticabile”.

"Non è colpa sua se ha quel corpo fantastico": Il dibattito che l'insegnante sudafricana ha suscitato con i suoi vestiti 35
Lulu menziwa

“Con un’uniforme scolastica per insegnanti, con un completo o pantaloni, la figura del suo corpo non cambierà, quindi la logica di volergli indossare vestiti diversi è ridicola.”

–Hammel F. in Upsocl–

Anche Lulu Menziwa è diventata famosa per lei modo stravagante di vestirsi tutti i giorni, fuori dal lavoro, in posa per le foto in cui non provare vergogna per mostrare il tuo corpo. Sia in piscina che per strada, a quanto pare sentirsi orgoglioso di quello che hanno e questo ha anche indotto alcuni a voler tornare a scuola in modo che l’insegnante possa insegnare loro.

"Non è colpa sua se ha quel corpo fantastico": Il dibattito che l'insegnante sudafricana ha suscitato con i suoi vestiti 37
Upsocl
"Non è colpa sua se ha quel corpo fantastico": Il dibattito che l'insegnante sudafricana ha suscitato con i suoi vestiti 39
Upsocl
"Non è colpa sua se ha quel corpo fantastico": Il dibattito che l'insegnante sudafricana ha suscitato con i suoi vestiti 41
Upsocl

C’è anche il fatto che Menziwa decide “Mostrati così tanto” nei loro social network, in modo pubblico, poiché molti ritengono che essere un insegnante dovrebbe considerare che i propri studenti possono esserlo piste delle foto che carichi.

"Non è colpa sua se ha quel corpo fantastico": Il dibattito che l'insegnante sudafricana ha suscitato con i suoi vestiti 43
Lulu menziwa

“Il problema non è il guardaroba, ma il contenuto che sale sui social, come insegnanti dobbiamo prenderci cura della nostra immagine, infatti la nostra professione ci pone all’attenzione di un’intera comunità. E come vedo lei è praticamente un’influencer. Quindi è bello ma ciò non significa che si prende cura dell’aspetto dei social network.

–Rrve V. in Upsocl–

"Non è colpa sua se ha quel corpo fantastico": Il dibattito che l'insegnante sudafricana ha suscitato con i suoi vestiti 45
Lulu menziwa

Come abbiamo accennato in precedenza, l’insegnante non ha ricevuto reclami dalla scuola o dai tutori dei genitori. Inoltre non ne ha fatto nessuno riferimento a quanto accaduto ma sì, giorni dopo che le sue reti si sono rotte, è risalito un’altra fotografia in un’aula davanti alla lavagna, forse per dire che non hai niente di cui preoccuparti.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));