Pabllo Vittar è un simbolo della resistenza LGTBIQ + nel Brasile di Jair Bolsonaro. Questo giovane brasiliano ha raggiunto la fama mondiale grazie al suo alter ego drag, Pabllo Vittar. È diventato un file simbolo della lotta per la diversità sessuale nel tuo paese, che sta attraversando una fase di declino sociale da quando l’attuale presidente è salito al potere.

Jair Bolsonaro, politico e militare in pensione, ha vinto le ultime elezioni in Brasile e presiede questo paese dal 2019. Ha assunto la campagna elettorale scommettendo su posizioni nazionaliste e conservatrici, per la difesa della dittatura militare del 1964 e per la sua critica degli omosessuali.

Questo video onora il suo attivismo, ora più importante che mai, attraverso la resistenza:

Incontra questo cantante e attivista drag

Pabllo Vittar ha iniziato la sua carriera artistica nei locali notturni, e la sua prima canzone pubblicata su Internet, “Open Bar”, nel 2015, l’ha resa una figura rilevante all’interno del collettivo brasiliano LGTBIQ +. Solo un anno dopo, ha iniziato a lavorare a un programma televisivo “Amor & Sexo”, con spettacoli musicali.

È così che è diventato un’icona gay in Brasile, e, a poco a poco, stava conquistando il resto del mondo. Attualmente ha più di 10 milioni di follower su Instagram, rendendola la drag queen più seguita al mondo. Ha già pubblicato tre album in studio, “Vai Passar Mal”, del 2017, “Não Para Não”, del 2018 e “111”, del 2019. Inoltre, ha collaborato con artisti come Charli XCX o Lali Espósito, ed è apparso come ospite del maggiore Lazer e Sofi Tukker al festival musicale di Coachella.

Ha anche partecipato alla festa di compleanno in onore della Regina Elisabetta II del Regno Unito presso la sede delle Nazioni Unite a New York, il cui tema era “uguaglianza e inclusione”. Inoltre, è stato incluso tra i file le 100 persone più influenti del pianeta secondo la rivista Time.

Questo artista Ha sempre dichiarato di sentirsi molto orgogliosa di far parte del collettivo LGTBIQ +e, da quando Bolsonaro ha assunto la presidenza del Brasile, è stato più attivista che mai come rappresentante di quell’immagine che i conservatori del suo paese cercano di nascondere o distruggere: “Non ci zittiranno più, non accettiamo più di essere soggiogati e lasciati al margine “, ha detto l’artista poco dopo che Bolsonaro è stato eletto presidente. Come dice il video che puoi vedere sopra, la sua figura è più necessaria che mai.