• No, tua madre non è bipolare per aver cambiato idea, non sei autistico per voler essere solo un giorno e la tua amica non è depressa per aver fallito un test


  • L’uso improprio di alcuni termini psicologici sembra innocuo, ma non lo è: perpetua miti e disinformazione

Una particolarità della psicologia è che essendo così accessibile, tutti pensano di sapere più di quanto sanno realmente. Poche persone pensano alla biologia, alla chimica o alla fisica senza conoscere i fatti, ma anche il panettiere del quartiere pensa di essere un esperto quando si tratta di comprendere il comportamento umano. Di conseguenza, finiamo distorcere e distorcere il significato di alcune parole psicologiche.

Usare termini psicologici in modo errato sembra innocuo, ma quando queste parole si riferiscono a disturbi psicologici quello che facciamo lo è perpetuare miti e disinformazione. Si genera una falsa immagine di quello che è veramente un problema psicologico, incidendo negativamente sulla vita di chi ne soffre veramente e minimizzandone la gravità.

No, tua madre non è bipolare per aver cambiato idea, non sei autistico per voler essere solo un giorno e la tua amica non è depressa per essersi sentita giù dopo aver fallito un test. Inoltre, non ci sono persone “bipolari”, “depresse” o “autistiche”, ma persone con disturbi bipolari, persone con disturbi depressivi e persone con disturbi dello spettro autistico.

Stare giù per alcuni giorni non è sinonimo di depressioneUnsplash.

Tutte queste espressioni mostrano l’ignoranza che soffre la società rispetto ai disturbi psicologici e l’importanza di dare loro visibilità. Per fare un po ‘di luce sulla questione andremo a conoscere il vero significato di quelle parole che sono così spesso abusateQuindi prendi carta e matita.

“Oggi sono depresso, non ho voglia di uscire”

Una persona depressa lo è triste per la maggior parte della giornata, non ha interesse o non prova piacere dalle attività quotidiane, si sente pigro o agitato a seconda del momento, ha cambiamenti nell’appetito e nel sonno, è affaticato, si sente tremendamente inutile o in colpa, ha difficoltà a concentrarsi e ha pensieri suicida.

Una cosa è avere un paio di giorni in meno come risultato di una suspense, di una discussione di coppia o di qualsiasi situazione che potrebbe interessarci, e un’altra che soffre di un disturbo depressivo che dura per mesi.

Puoi sostituire la parola “depresso” con giù o triste.

“Cambia sempre idea, sembra bipolare”

Il disturbo bipolare comporta sofferenza episodi depressivi accanto a episodi ipomaniacali o maniacali. Abbiamo appena descritto cos’è la depressione, ma cosa sono gli episodi ipomaniacali e maniacali?

In un episodio maniacale o ipomaniacale la persona ha un’autostima esagerata. Sembra carino, ma non lo è. Pensa che sia invincibile e si impegna in comportamenti sconsiderati come guidare ubriaco a 180 km / h perché “non gli può succedere niente” o scommettere tutti i soldi della sua famiglia perché “questa volta vincerà sicuramente”. Oltre a sentirsi bene, è così attivo che non vuole dormire, il che è un tremendo esaurimento fisico e psicologico. È anche loquace al punto da non capire quello che sta dicendo, poiché anche i suoi pensieri corrono.

La differenza tra un episodio maniacale e uno ipomaniacale è che il maniaco dura una settimana, può comportare sintomi psicotici e il ricovero è spesso necessario. Al contrario, l’ipomaniacale dura quattro giorni e di solito è più lungo Luce.

Puoi sostituire la parola “bipolare” con impulsivo o volubile.

“Mi innervosisco alle feste, sono introverso”

Una persona introversa non ama eccessivamente le interazioni sociali. È in grado di recitare normalmente a feste o eventi con molte persone, ma sentirsi circondato da amici o conoscenti non gli porta felicità. Preferiscono piccoli gruppi sociali e amano trascorrere il tempo da soli.

Tempo di qualità con te stesso, organizzazione dei compiti e non incolpare te stesso: le chiavi per non annoiarti se hai deciso di vivere da solo

Essere timido non è la stessa cosa che essere un introversoDiego San

Anziché, una persona timida vuole socializzare, ma è difficile per lui perché si preoccupa della valutazione degli altri, non vuole essere di più, o non ha molte abilità sociali.

Puoi sostituire la parola “introverso” con timido o tagliato fuori.

“Passo le persone, sono antisociale”

Quando diciamo che qualcuno ha comportamenti antisociali, non significa che sia solo o isolato, ma che va “contro” le norme sociali. Ad esempio, menti ripetutamente, litighi, insulti le persone, sei irresponsabile nel tuo lavoro o nella tua vita sociale o personale e spesso non hai rimpianti.

Puoi sostituire la parola “antisociale” con introverso.

“Se sbagli i miei appunti mi viene il DOC”

Disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è un disturbo molto invalidante che comporta la sofferenza da ossessioni e / o compulsioni.

UN ossessione È un’idea, un’immagine o un pensiero che la persona sperimenta spesso generando ansia brutale. Ad esempio, “le mani sono sporche” (anche se le hai lavate tre volte di seguito) o “hai lasciato il gas acceso” (anche se sei tornato a casa sei volte per controllare). A volte queste ossessioni sono legate a questioni sessuali, religiose o morali, causando ancora più disagio in quanto sono aspetti tabù o personali.

Il compulsioni Sono comportamenti o atti mentali che la persona compie per evitare l’ossessione o per neutralizzare l’ansia che essa genera. Ad esempio, lavarsi le mani fino a farti male, non andare a lavorare perché hai paura di uscire di casa, contare fino a 100 ogni volta che un pensiero immorale assale la tua mente, ecc.

Puoi sostituire la parola “TOC” con pulito, metodico o attento.

“Il mio ex mi ha tradito, è uno psicopatico”

Sfortunatamente per tutta la vita incontrerai molte persone che ti faranno del male, ma solo l’1% (e sto esagerando) sarà psicopatico.

La psicopatia non è nemmeno un disturbo mentale e le definizioni sono abbastanza ambigue nella maggior parte dei casi perché gli autori sono in disaccordo tra loro. Potremmo dire che si tratta di persone senza empatia, senza rimorsi e che agiscono in modo crudele in modo deliberato. Come possiamo vedere, questa descrizione ricorda da vicino ciò che abbiamo precedentemente chiamato “antisociale”.

"Mi hanno tradito e sono fatale": consigli per superare un'infedeltà

Uno psicopatico è qualcosa di molto più jevi di una persona cattivayasss.es

Puoi sostituire la parola “psicopatico” con crudele, antisociale o freddo.

“Non ho voglia di parlare con nessuno, sono autistico”

L’autismo è un disturbo neuropsicologico la cui causa è ancora sconosciuta, ma probabilmente sono coinvolti meccanismi cerebrali. Di solito inizia prima dei 3 anni e colpisce tre grandi aree: il modo in cui il bambino si relaziona agli altri, il modo in cui comunica e il modo in cui si comporta quando svolge attività di svago.

È difficile per loro interagire con gli altri e mettersi nei panni dell’altro e spesso hanno problemi a comunicare verbalmente o non verbalmente, alcuni addirittura non parlano. D’altra parte, è comune per loro portare avanti comportamenti stereotipati o, in altre parole, diventare rigidamente ossessionati da qualche attività o situazione, ad esempio, volendo solo mangiare cose blu o giocare esclusivamente con giocattoli circolari.

Sì, l’autismo non si esprime sempre allo stesso modo. Ci sono persone che possono condurre una vita relativamente normale con i supporti necessari e altre con grossi problemi di adattamento.

Puoi sostituire la parola “autistico” con solitario o riservato.

Ora che conosci il vero significato di tutte queste parole, puoi spiegare agli altri cos’è veramente il disturbo bipolare o l’autismo, cosa significa introversione o quanto soffre una persona depressa.