José Hernández è un perfetto esempio di superamento quando le avversità sono più che possibilità. Il suo segreto è il duro lavoro e la perseveranza.

Nonostante le difficoltà che possono sorgere lungo il percorso, l’opzione migliore sarà sempre quella di non arrendersi. Ogni combattimento ha il suo grado di complessità, con i suoi dovuti ostacoli, ma la ricompensa ne varrà la pena dopo il dovuto impegno.

Non tutte le persone hanno la stessa fortuna o le stesse opportunità, ma spetta a ciascuna persona decidere se affrontare questi problemi o se rinunciare. Un caso importante di cosa significhi lavorare per raggiungere i propri obiettivi è José Hernández, un instancabile sognatore che è passato dal lavoro nei campi all’essere un astronauta.

José Hernández / Twitter

Hernández, ora in pensione dopo aver prestato servizio nel POT, vuole essere un esempio per bambini che come lui non hanno il strutture per soddisfare il tuo obiettivi ma ancora non sono ammessi piegare.

Quando era un ragazzino, ha dovuto lavorare a raccogliere frutta e verdura con la sua famiglia, per ottenere un po ‘di reddito. Non è stato facile, ma ogni passo lo ha aiutato a crescere. “Abbiamo trascorso nove mesi in California, tre mesi dopo MessicoMa in quei nove mesi sono andato in tre diversi distretti scolastici ”, ha detto, in una conversazione con ABC 30.

Passò dal lavoro sul campo all'essere un astronauta: "Non aver paura di sognare in grande" 25
POT

Essendo un immigrato, ha avuto difficoltà ad adattarsi alla lingua. È stato in grado di imparare l’inglese a 12 anni, ma si interessò ad altre aree che erano di comprensione universale. “Ho gravitato verso la matematica perché 1 + 3 è 4 pollici qualunque linguaggio“, Ha espresso.

Solo con 10 anni, il piccolo José c’era già manifestato il suo desiderio di voler essere astronauta. Per questo, suo padre ha prescritto quello che sarebbe stato un piano per il suo successo. La prima cosa era mettere un file obbiettivo e secondo, riconoscere come lontano Ero.

Passò dal lavoro sul campo all'essere un astronauta: "Non aver paura di sognare in grande" 27
bersagli-campo-astronauta

“La terza cosa è che devi disegnare una road map per sapere dove sei e dove vuoi andare. E poi gli ho chiesto qual è il quarto? Ha detto che devi ricevere un’istruzione “, ha spiegato Hernández.

Fu allora che iniziò la sua carriera professionale e si laureò all’Universidad del Pacífico. Lui ultimo punto del ricetta quello di suo padre era il lavoro duro e ha dimostrato molto bene quanto sia importante questo.

Passò dal lavoro sul campo all'essere un astronauta: "Non aver paura di sognare in grande" 29
POT

“Il POT mi ha rifiutato non uno, non due, non tre, ma undici volte. Non è stato fino alla dodicesima volta che sono stato selezionato ”, ha commentato. Tuttavia, dopo molti tentativi, è riuscito ad essere ammesso e nel 2009 faceva parte dell’equipaggio dello Space Shuttle Discovery

Passò dal lavoro sul campo all'essere un astronauta: "Non aver paura di sognare in grande" 31
POT

“È un viaggio che anche Disneyland Sarei invidioso perché va da zero a 27.500 miglia all’ora in 8 minuti e significa, medio“, disse. Quindi la sua missione successiva era quella di lavorare sulla Stazione Spaziale Internazionale durante il viaggio di 14 giorni.

Passò dal lavoro sul campo all'essere un astronauta: "Non aver paura di sognare in grande" 33
POT

Ora, dopo aver dato il in tutto il mondo 217 volte, desidera che la tua testimonianza serva da ispirazione imminente generazioni. “Lavoro duro e perseveranza e non avere paura sognare grande“, Ha condannato.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));