Rihanna e altri artisti hanno criticato Trump dopo le sparatorie 1

Rihanna e altri artisti hanno criticato Trump dopo le sparatorie

Dopo un fine settimana in cui due sparatorie hanno lasciato più di 30 persone morte negli Stati Uniti, celebrità dello show-world hanno parlato contro il discorso divisivo del presidente Donald Trump e la politica di trasporto delle armi in quel paese.

Per esempio, la cantante e imprenditrice Rihanna, originaria di Barbados, ha inviato via Twitter un messaggio duro al rappresentante americano in cui ha chiamato per immaginare un mondo in cui è più facile ottenere un fucile d’assalto AK-47 che un visto:

Immaginate un mondo in cui costruiscono un muro per mantenere i terroristi in America!

Ha poi inviato le sue condoglianze e ha offerto le sue preghiere alle famiglie e ai cari delle vittime in Texas, California e Ohio, che hanno subito attentati nella stessa settimana:

Nessuno merita di morire così, nessuno!

A causa dell’incitamento all’incitamento all’odio rilevato nei tre sospetti degli attacchi, celebrità come John Legend si espressero sui social media, e si distinguerono come parte del problema “l’ispirazione” che Donald Trump offre agli assassini su base regolare:

Quando condanniamo il veleno razzista che esce dalla bocca del presidente e indichiamo l’intolleranza delle sue politiche, non è una questione accademica, non è un gioco politico , si tratta di vita e morte.

John Legend

Cardi B, Andy Richter, Julianne Moore, Patton Oswalt e Cher, tra gli altri, si lamentarono dei fatti e respinse il razzismo e rispose ai messaggi del presidente Trump con le sue opinioni sull’invitante. Da parte sua, la famosa attrice Reese Witherspoon interrogò le leggi sulle armi nel paese e chiese ai membri del Congresso di modificarle.

 l'autore del massacro di El Paso mentre sparava

Durante la scorsa settimana, sono state registrate tre sparatorie di massa sul territorio degli Stati Uniti: quello di Dayton, Ohio; quello di El Paso, Texas, e Gilroy, California, dove una delle vittime era un bambino di sei anni. Gli aggressori in tutti e tre i casi erano giovani tra i 19 e i 24 anni che sostenevano ideologie odiose.

Controlla anche

Ashley Graham posa nuda senza filtri su Instagram. Dimostra che non si vergogna delle sue smagliature 5

Ashley Graham posa nuda senza filtri su Instagram. Dimostra che non si vergogna delle sue smagliature

o dei “chili extra”, né di come la gravidanza stia cambiando il suo fisico. È …

Nike cerca di competere con Crocs con la sua nuova Air Force 1. Servono come una scarpa e un flop flop 11

Nike cerca di competere con Crocs con la sua nuova Air Force 1. Servono come una scarpa e un flop flop

per apparire eleganti ma anche confortevoli ovunque. La moda non ti disturba a dire un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *