Il Premi Feroz Vengono assegnati ogni anno, dal 2014, dall’Associazione degli informatori cinematografici della Spagna, per riconoscere le produzioni audiovisive spagnole. La sua idea non era solo quella di essere un preludio ai Goya Awards, i grandi premi cinematografici spagnoli, ma anche di creare un gala più rilassato e teppista in cui vedere le star e i creatori di film e televisione in un ambiente meno corsetto, e in che potrebbero avere spazio, anche, altri tipi di candidati e nomine.

Il gala del 2021 stava già iniziando avvolto da un alone di polemiche. In primo luogo, per la sua pretesa di dimostrare che la cultura è sicura e che gli eventi che rispettano le misure di sicurezza possono continuare a svolgersi durante la pandemia. Il gala ha dovuto essere ritardato a causa delle restrizioni imposte dopo i terribili dati della terza ondata di coronavirus ma potrebbe finalmente tenersi il 2 marzo al Teatro Coliseum di Madrid, con una capienza del 25%.

Nei premi, i grandi vincitori della serata sono stati i film “Le ragazze”, di Pilar Palomero e “Il matrimonio di Rosa”, di Icíar Bollaín; e le serie “Antidisturbios” di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña e “Patria” di Aitor Gabilondo.

Ma in viralità e in prima pagina i due protagonisti della serata sono stati, senza dubbio, l’artista multidisciplinare Samantha hudson e il creatore di contenuti Esty Quesada, meglio conosciuto nei social network come Sono una springada.

Samantha Hudson ed Esty Quesada ai Feroz Awards

Samantha Hudson spazza ovunque vada. E se dovrà attraversare un tappeto rosso, saprà approfittarne per fare ciò che sa fare meglio: avere un bell’aspetto, sorprendere con un look che solo lei potrebbe indossare e lanciare un messaggio politico.

La sua posa più sexy e audace è diventata subito virale sui social. Ma c’era un dettaglio del suo look che non è passato inosservato, ed è stato il messaggio che ha inviato con il suo top. In caratteri grandi e luminosi si leggeva ACAB, acronimo che iniziò ad essere utilizzato nelle proteste degli anni ’70 in Inghilterra contro l’estrema violenza della polizia.

Esty Quesada, conosciuta sui social come Soyunapringada, è salita sul palco di Feroz per fare un monologo sulla serie ‘Patria’ Nata a Baracaldo, ricorda com’era vivere nei Paesi Baschi quando il gruppo terroristico ETA era ancora attivo. Ed era quello che diceva nel suo monologo: “che ricordi … mi ricordo quando ero nel centro storico e dovevo nascondermi in un bar perché lanciavano molotov … oh ETA”. Puoi vedere uno snippet del monologo nel video qui sopra.

Il monologo umoristico, scritto dalla stessa Esty, è stato anche uno dei momenti più condivisi sui social, sia per elogiare il lavoro della youtuber sia per criticare il suo modo di scherzare su un argomento che in Spagna è ancora delicato.