Il periodo dei saldi è una delle stagioni dello shopping più importanti dell’anno in Spagna, anche se quest’anno, a causa della pandemia, i consumi dovrebbero diminuire. Tuttavia, come nel 2020 ci siamo abituati allo shopping online, molte persone eviteranno di andare fisicamente nei negozi e faranno acquisti dalla loro casetta.

Il movimento di persone che decidono di smettere di comprare tanti vestiti e di dare ai loro vestiti una seconda vita sta prendendo forza. Oppure, in caso di acquisto, acquisto vestiti di seconda mano. L’applicazione Vinted è uno dei marchi che promuove la moda circolare e il consumo responsabile da gennaio a dicembre, motivo per cui rende l’acquisto e la vendita di vestiti di seconda mano così facile attraverso il tuo cellulare.

Secondo uno studio interno condotto da Vinted Nell’estate del 2020, il più grande mercato online di moda di seconda mano C2C in Europa, dopo la prima ondata di pandemia, il 46% degli intervistati spagnoli ha confermato di acquistare più vestiti online. Ha senso se non ci hanno lasciato uscire di casa per diverse settimane.

Molti di coloro che acquistano vestiti di seconda mano lo fanno per la sostenibilitàVinted

Inoltre, questo stesso studio riflette le principali motivazioni degli spagnoli in relazione all’acquisto di moda di seconda mano. Tra i principali motivi per fidarsi dell’usato ci sono il consumo responsabile (39% degli spagnoli) e il risparmio per investire quei soldi in altre priorità (38% degli intervistati).

D’altronde, tra le motivazioni di chi mette in vendita i propri vestiti usati o quello che non usa, chi vuole dare una seconda vita ai propri vestiti (50% degli spagnoli) e chi vuole avere soldi extra ( 49%).

Tutto ciò fa pensare che durante questa stagione di saldi ci sarà molta gente acquistare e vendere articoli tramite app come Vinted, dove puoi trovare anche giocattoli e accessori per la casa.

Un anno fa, l’attrice Emma Watson (nota per il suo ruolo di Hermione nella saga di Harry Potter) ha ricordato ai suoi seguaci che “il nostro guardaroba ha un impatto maggiore sul pianeta e sul clima di quanto pensiamo”, quindi incoraggia anche l’uso di abiti di di seconda mano e non comprare tanti vestiti nuovi come misura ambientale.