“Quando una persona come me, proveniente dalle zone rurali e povere, decide per questo (medicina), deve perseverare, nonostante tutto”, ha detto Lucas Ribeiro de Sousa.

Coloro che lottano per i propri sogni, senza lasciarsi sconfiggere dagli ostacoli lungo la strada, saranno coloro che godranno dei dolci mieli del successo. Anche se sembra una frase tipica motivante, sempre più casi supportano lo sforzo come la migliore opzione per raggiungere gli obiettivi.

Questo è il caso di Lucas Ribeiro de Sousa, un giovane studente di 20 anni che non ce l’aveva facile per ottenere una posizione in Università prendere il carriera con cui ha tanto sognato. Nemmeno il 53 chilometri che lo separavano dall’università lo arrestarono, perché era un viaggio che ha fatto dal lunedì al venerdì durante due anni.

Unsplash (foto di riferimento)

Ha avuto l’opportunità di essere selezionato nel Scuola di Medicina, nel Università Federale del Ceará, situato in Forza, Brasile. Per studiare, dovevano svegliarsi ogni giorno alle 3:30 del mattino, ma sacrificio ne valeva la pena.

Si trovava nella posizione numero 21 dall’elenco degli studenti approvato, essendo il primo dei suoi famiglia nel poter entrare nel Università. Inoltre, grazie alla sua performance ha ottenuto un Borsa di studio per il corso preparatorio. Ogni giorno per lui era una lotta, ma non si lasciava sconfiggere.

Senza mezzi, percorreva 53 km al giorno per diventare medico: "Voglio essere grande" 17
Università Federale del Ceará

“Ho avuto molto supporto, sia dalla famiglia che dal corso, ma non avevo i materiali necessari per farlo studia a casa, L’ho ricevuto solo tramite un amico che avevo già studiato in stesso postoLucas ha commentato, secondo Diario Do Nordeste.

“Era troppo costoso per la nostra famiglia. Abbiamo preso soldi da dove non dovevamo pagare per andare in centro Orizzonte, Oltretutto spese diari di cibo. Il sabato, quando c’era lezione, non potevo andare. Era economicamente impraticabile “, ha detto.

Senza mezzi, percorreva 53 km al giorno per diventare medico: "Voglio essere grande" 19
Università Federale del Ceará

Ma niente di tutto ciò gli ha fatto distogliere lo sguardo dal suo obiettivo di diventare un medico. “Voglio essere grande. La medicina è un corso sopravvalutato, quindi quando una persona come me, proveniente da una zona rurale e povera, decide per essa, deve perseverare, nonostante tutto “, ha detto.

Fortunatamente, a poco a poco si sono aperte opportunità che lo hanno portato a un percorso più chiaro nella sua carriera. Soprattutto quando un’amica di sua madre le ha offerto una casa in modo che potesse andare al Università facilmente. Inoltre, ha ricevuto il proprio sostegno Università recentemente e spera di festeggiare in grande stile.

Senza mezzi, percorreva 53 km al giorno per diventare medico: "Voglio essere grande" 21
Lucas Ribeiro de Sousa

“Sono stato molto felice con lui realizzazione. Tutto in famiglia. Festeggiamo con una cena speciale“, Ha commentato in quel momento, il 29 dicembre 2019. Lo sa con questi primo Passi che stai dando avrà la possibilità di aiutare i tuoi cari nel futuro.

Suo padre lo è contadino e il suo madre funziona da solo, quindi non lo è semplice. Ma lui vuole fare il differenza.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));