Ronald Scott a 103 anni pratica ancora sport a Buenos Aires: “Voglio solo che accada tutto per ritrovare la libertà”.

La pandemia ha colpiti tutti, anche quelli che pensavano di essere vissuti Episodi Di Più devastante nel tutta la vita. Questo è il caso di Ronald Scott, un argentino di 103 anni che, dopo aver combattuto nel WWII insieme agli alleati, è ancora in soggezione per la corrente Pandemia di covid-19.

Questo nonno centenario è nato a 1917, in toto Prima guerra mondiale, essendo il figlio di a ex soldato scozzese e uno infermiera inglese, ragioni per cui la sua famiglia ha cercato migliori opportunità e qualità della vita in Buenos Aires, lontano dal conflitto europeo.

Clarion

Tuttavia, le sue radici facevano parte del motivazione che lo ha portato a presentarsi come volontario per combattere i nazisti molti anni dopo. Anche se è vissuto momenti spaventosi come soldato, per Ronald la corrente crisi sanitaria è senza precedenti.

“Non ho mai provato qualcosa di simile, è terribile. Voglio solo che succeda tutto recuperare il la libertà e per poter incontrare amici. Le entra bicicletta e lo sport al Club Atlético de San Isidro sono ciò che mi manca di più “Scott ha commentato in una conversazione con Clarín.

Sopravvissuto alla seconda guerra mondiale sulla pandemia: "Non ho mai vissuto una cosa del genere, è terribile" 17
Clarion

Nel frattempo, dal guerra ho ancora i ricordi di come arruolato e sono andato a Europa per difendere la patria dei loro genitori. Sembrava motivata per loro.

“Nel 1942, quando il Seconda guerra era già in via di sviluppo, ho deciso di iscrivermi all’ambasciata come volontario combattimento contro il Truppe tedesche. Mio padre aveva deceduto e mia madre è stata ricoverata in ospedale prodotto di a asma. Lì ho sentito che dovevo andare ad aiutare. Volevo farlo “, si è ricordato.

“Nel Argentina si era già parlato battaglia e la gente si schierava da una parte o dall’altra. In effetti, la famiglia del mio migliore amico era attiva nel nazismo Già per questo lo avevano escluso dalle riunioni. Non mi importava perché la nostra amicizia era più importante. Ma ho deciso di andare a difendere quello che ho pensato giusto. L’ho fatto solo a una condizione: volevo esserlo pilota di un aereo della marina “aggiunto.

Sopravvissuto alla seconda guerra mondiale sulla pandemia: "Non ho mai vissuto una cosa del genere, è terribile" 19
Clarion

Di quei momenti, arrivano al mente il occasioni in quale peggio è accaduto, quando doveva per morire, dovuto proprio circostanze a partire dal guerra in cui era.

“Mi sono appena sentito vicino al Morte in un opportunità, quando il motori E precipitò nell’oceano ghiacciato Ho colpito molto forte e nessuno ha capito che lo fossi chiedere aiuto finché non hanno visto il file aereo impatto. Comunque, non me l’ha mai dato paura di morire “, disse.

Sopravvissuto alla seconda guerra mondiale sulla pandemia: "Non ho mai vissuto una cosa del genere, è terribile" 21
Clarion

Per ora, Ronald continua a gestire il suo bicicletta intorno al suo vecchio quartiere e facendo pratica gli sport, come ti piace tanto. Spera di riprendere il la libertà di prima.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));