Abbattere in 90 giorni e quindi dare modo a biodegradabile di prodotti, tra i quali il geniale plastica di questo giovane uomo.

La plastica è uno dei grandi mali dell’era moderna. Inquinano gli oceani, che impiegano migliaia di anni per scomparire e dannosi per l’ambiente. Per questi motivi, tra gli altri, è che la società deve cercare di lasciare alle spalle o trasformarla essere più amichevole con la nostra terra.

In questa ricerca, uno studente messicano sta rivoluzionando la creazione di plastica biodegradabile nella fabbricazione di buccia d’arancia. Anche se sembra illogico, è un’alternativa molto valida e innovativa. Giselle Mendoza ha vinto un concorso nazionale e il riconoscimento dei media internazionali, come Forbes.

Questo è uno dei video della venture, in cui si spiega la grande scala procedura rivoluzionaria.

(embed)https://www.youtube.com/watch?v=CjydYna2_ho(/embed)

È il 30% più economico da produrre rispetto alla plastica tradizionale, mentre è 100% biodegradabile.

“Nell’Oceano Pacifico, c’è un grande accumulo di rifiuti di plastica delle dimensioni della Francia. Le previsioni indicano che entro il 2050 ci saranno più rifiuti di plastica nel mare che di pesce. Ho collegato questo con una grande opportunità, soprattutto per il nostro paese, il quinto più grande produttore di arance nel mondo”.

Spiega Giselle in uno dei suoi video.

(embed)https://www.youtube.com/watch?v=XupbqjW-ZsU(/embed)

Questa Bioplastica, ha molte funzioni, dal settore biomedicale fino al confezionamento o l’imballaggio dei prodotti.

Si tratta di una grande alternativa per tutti coloro plastica monouso.

Giselle Mendoza

Gecko è il nome di questo progetto, che è nato nel 2015 nelle mani dello studente di settimo semestre di Economia presso l’Istituto Tecnologico e di Studi Superiori di Monterrey.

“Stiamo lavorando sullo sviluppo di una bioplastica prodotta dai residui di buccia d’arancia e cascami di canne da zucchero, che è biodegradabile al 100% in circa 90 giorni, e con potenziali applicazioni nel settore biomedicale, imballaggio e confezionamento, l’alimentazione e l’agricoltura”.

Spiega lo studente Forbes Messico.

Studente messicano rivoluziona il mercato e produce bioplastica da una buccia d'arancia 8
Giselle Mendoza

L’idea è di sostituire le plastiche derivate dal petrolio che inquina così tanto.

Scegli le arance erano un ottimo motivo, nel rispetto delle quantità di cellulosa che possiedono, oltre ad essere uno dei principali prodotti esportati dal Messico.

Studente messicano rivoluziona il mercato e produce bioplastica da una buccia d'arancia 10
Gecko

Senza dubbio, è un’iniziativa che rivoluzionerà il mercato di prodotti biodegradabili.

È possibile visitare il tuo account di Facebook e ottenere ulteriori informazioni su questo grande progetto. Non essere scioccato se presto il tuo plastiche biodegradabili e fatta con le arance.