È nato sano, ma è stato vittima del virus che stiamo attualmente affrontando come pianeta. Il sostegno dei suoi genitori e del personale sanitario è stato fondamentale per la sua guarigione.

A tutti la pandemia che stiamo vivendo ci ha colpiti in modi diversi, come È stato un cambiamento rispetto alla normalità che non avremmo mai immaginato, ora come un mondo viviamo con misure di sicurezza che hanno spalato un po ‘questa situazione, ma nessuno è esente da contrarre questo virus che erode la salute in modi diversi.

Nonostante sia nata in condizioni ottimali, 9 giorni dopo la sua prospettiva è cambiata. Questa è la storia di Petru, un bambino nato il 9 ottobre dello scorso anno, a Valencia, in Spagna, che purtroppo ha dovuto essere ricoverato in Unità di Terapia Intensiva (ICU) per aver contratto il COVID-19 pochi giorni dopo il suo arrivo nel mondo.

Pixabay

Il Recupero il piccolo era ampio poiché ci si aspettava che sarebbe migliorato completamente, tant’è che i suoi genitori potevano vederlo solo tramite videochiamate. Era tutto da uno tremenda angoscia, ma c’era un file luce, il ragazzo Alla fine è risultato negativo ei suoi genitori – Cristina e José – sono stati di nuovo al suo fianco.

Tra applausi e festeggiamenti, l'ospedale spagnolo licenzia un bambino che ha superato COVID-19.  Ho combattuto per 70 giorni 13
Il mondo

Tutto inizia a casa, suo fratello era infetto, era portatore asintomatico del virus e quando si sono accorti che le condizioni del neonato stavano peggiorando, i suoi genitori lo hanno portato senza esitazione al pronto soccorso pediatrico, per trasferirlo in terapia intensiva dove si trovava ha confermato la diagnosi.

All’inizio, il bambino ha manifestato problemi respiratori e successivamente difficoltà di alimentazione. Pertanto, aveva bisogno di un difficile processo di riabilitazione. Fino alla fine, sono riusciti a dimetterlo.

Tra applausi e festeggiamenti, l'ospedale spagnolo licenzia un bambino che ha superato COVID-19.  Ho combattuto per 70 giorni 15
Il mondo

È stato emozionante l’ultimo giorno nel centro medico di questo piccolo combattente, era addirittura licenziato come una festa. UN sala È stato eseguito dal personale del luogo insieme a applausi, messaggi di incoraggiamento ed espressioni di affetto.

La madre del bambino, totalmente grata, ha commentato di aver sentito molto sostegno, in ogni momento, da parte dei funzionari e ha sottolineato che non dimenticherà mai la solidarietà ei segni di affetto che hanno dato loro.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));