Madalena Gordiano, a 8 anni, si è avvicinata a una casa chiedendo cibo. In quel luogo un’insegnante ha promesso di adottarla se avesse aiutato a pulire, ma è finita per essere la schiava di famiglia. L’hanno persino costretta a sposare un vecchio per rivendicare l’eredità e per evitare sospetti, le hanno proibito di parlare con i vicini.

Forse lo crediamo schiavitùAlmeno in America Latina non esiste più, ma l’essere umano è imprevedibile e quello che può fare a un altro a volte non ha limiti morali. Bene, si scopre che una coppia in Brasile, è indagato dopo che una donna è stata trovata nella sua casa in condizioni di schiavitù, ritirato dalla societàsegnala Globo.

Palloncino

Madalena Gordiano aveva a malapena Otto anni quando si è incontrato Maria das Graças Milagres Rigueira, la volta che ha bussato alla porta di casa sua per cibo. La donna gli disse che non gli avrebbe dato il pane, ma sarebbe venuta a vivere con lei. La bambina, essendo così vulnerabile, pensava che un futuro migliore la aspettasse, ma era il contrario.

La padrona di casa, un’insegnante bianca, promise di adottarla, ma nel frattempo la ragazzina nera avrebbe dovuto fare lavori di casa. Pulire, imparare a cucinare, riordinare, stirare e altre faccende domestiche.

Una donna viene liberata dopo aver vissuto 38 anni come schiava in un ricco settore del Brasile.  Lo avevano nascosto 21
Palloncino

L’allora piccola Madalena non lo sapeva, ma era diventata una Schiavo del 21 ° secolo da una ricca casa a Minas Gerais in Brasile. L’insegnante non l’ha mai fatto documenti di adozione, l’ha portata fuori dalla scuola, l’ha cancellata dal sistema e l’ha cresciuta condizioni operative, senza stipendio o ferie da decenni.

La famiglia che già aveva una buona situazione economica non solo teneva Gordiano a casa come domestica senza paga, ma svolgeva anche attività attività commerciale con lei, costringendola, essendo appena ventenne, a sposarsi con un vecchio milionario di 78 anni al fine di riscuotere la pensione e l’eredità, che si è conclusa pagando una laurea in medicina di una delle figlie.

Non aveva beni. Dormiva in una stanza senza finestre e gli era proibito avere il telefono o la televisione, l’unica cosa che possedeva erano 3 magliette e il suo più grande divertimento era ascoltare la musica in una chiesa vicina.

Una donna viene liberata dopo aver vissuto 38 anni come schiava in un ricco settore del Brasile.  Lo avevano nascosto 23
Palloncino

in ogni caso, il denuncia fatta dai vicini, con i quali gli è stato vietato qualsiasi contatto, ha consentito lo svolgimento di un’indagine. In qualche modo Madalena è riuscita a intrufolarsi piccoli fogli con una grafia tremante sotto le porte, chiedendo collaborazione per utensili per la pulizia personale. Ciò ha sollevato sospetti.

Le autorità l’avevano fatto sospettato anni fa in quella casa accadde qualcosa di strano, dopo la vedovanza di Madalena, ma il caso finì per essere archiviato carenza di prove energico. Adesso era il momento di indagare a fondo. Entrati in casa, hanno trovato Gordiano nelle pessime condizioni in cui ha vissuto 38 anni.

Una donna viene liberata dopo aver vissuto 38 anni come schiava in un ricco settore del Brasile.  Lo avevano nascosto 25
Facebook Dalton Milagres Rigueira

Dalton Milagres Rigueira, figlio di María, è accusato insieme alla madre di mantenere una persona in condizioni di schiavitù. In sua difesa ha detto questo “Era come una famiglia” e che non era incoraggiato a studiare “Perché non pensavano fosse necessario”.

Una donna viene liberata dopo aver vissuto 38 anni come schiava in un ricco settore del Brasile.  Lo avevano nascosto 27
Palloncino

Oggi Gordiano trascorre le giornate in un ricovero per donne, luogo che nonostante la pandemia si rivela essere un Paradiso Rispetto alla casa in cui si trovava

Ha avuto l’opportunità di fare cose normali per le persone comuni, come camminare in un parco, conoscere la città, vedere gli animali, le cose che stanno cambiando il modo in cui vedi la vita. In futuro progetta e si riunisce con i suoi fratelli, ai quali ha rivisto grazie videochiamate dopo quasi 4 decenni.

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));