Con i bambini piccoli a casa non sai mai cosa puoi trovare, ogni giorno ti sorprendono con qualcosa di nuovo e se no lo dicono a Lisa Tschirling, una giovane madre della Pennsylvania (Stati Uniti) che stava tranquillamente facendo i suoi affari quando uno dei suoi figli gli disse che sua sorella aveva “qualcosa incastrato nei capelli”.

Noah e Abigail, così si chiamano i loro figli, avevano terminato le loro lezioni virtuali ed erano scesi a giocare nel seminterrato per 10 minuti. Questo è stato il tempo che è passato fino a Abigail si è aggrovigliata tra i capelli circa 150 palline di giocattoli Buchems. Queste palline sono attaccate l’una all’altra per costruire cose e funzionano in modo simile al velcro. In questo caso, invece di unirsi l’un l’altro, si sono attaccati ai capelli della ragazza.

“A quanto pare, Noah aveva versato un contenitore di Bunchems sulla testa di Abigail come un burlone. Abbiamo questi giocattoli per anni, ma raramente ci giochiamo”, scrive la madre in un post di Facebook che è stato caricato sul suo profilo. condividere con i suoi follower quello che lei dice essere stato “il peggior incubo di sua madre fino ad oggi”.

Quando Lisa ha iniziato a cercare di sbucciare i capelli di sua figlia da queste palle, si è resa conto che non sarebbe stato affatto un compito facile. “Hanno peggiorato le cose cercando di rimuoverli perché il collegamento assomiglia a quello del velcro”, scrive la madre su Facebook, ei suoi figli Avevano cercato di risolvere ciò che avevano fatto, ma l’avevano solo peggiorato. “Mi ci sono volute circa tre ore per ottenere 15.”

“Quindi Dan è tornato a casa e ha cercato su Google e ci siamo resi conto della gravità di ciò che stavamo affrontando. Hanno suggerito di usare balsamo e olio vegetale per scioglierli, ma questo ha peggiorato le cose e l’ha resa spettinata. Ne sono usciti circa 10 o più”. Lisa continua, al quale neanche questa tecnica sembrava ideale, da allora Dopo la mezzanotte non erano riusciti a togliere nemmeno metà delle palle. “Mi sdraio con la sua testa su di me così non si impigliano più.”

Trascorsero la notte come meglio potevano e la mattina dopo Lisa andò “al negozio per trovare tutto ciò che pensava potesse aiutare e abbiamo iniziato”. Un amico di sua madre gli aveva consigliato di usare olio e un buon pettine districante, così con loro in suo possesso continuò con la sua missione.

“Dopo 20 ore totali, dopo aver tirato e lavorato sulla testa e molta perdita di capelli, li ho eliminati tutti. È stato seguito da un’ora o più nella vasca da bagno con il balsamo e sciogliendo i nodi “, dice la madre che è riuscita finalmente a togliere tutte quelle palle dalla testa della figlia:” Mi sento come se fosse un miracolo “.

Durante la scrittura di questo post, le sue dita erano ancora gonfie per il suo grande lavoro cercando di togliere tutti questi giocattoli dalla testa della figlia: “In questa casa non dimenticheremo mai questa esperienza traumatica”, dice Lisa, che consiglia ai genitori che leggono il suo post di mettere un berretto ai loro figli quando vanno a giocare con queste palle .