“Hai COVID, si sta andando a bruciare”, ha detto hatch. Prima che un sacco di gente empathized con la salute del lavoratore, andando per aiutare il suo.

La pandemia del coronavirus, non solo non ha preso il meglio di molte persone, e soprattutto nel caso di operatori sanitari, volontari e tra le altre persone dedicate ad aiutare e a far fronte a questa crisi. Ma anche in alcune situazioni, si è visto come la paura, l’egoismo e l’odio prende il sopravvento alcuni soggetti essi sono immersi in questo contesto preoccupazione nel mondo medico. In realtà prima che il Messico, non è esente, perché dopo l’aggiunta di oltre 362 mila casi di persone infettate con il hiv e di oltre 41 mila fatale vittime sulla scia del coronavirusla paura e il panico si è impadronita di non pochi abitanti di questo paese.

Luis Angel Rodriguez / Twitter

Quello che abbiamo visto in città di Victoria de Durangonello stato di Durango, in cui un gruppo di persone che, fino ad oggi sconosciuto, a strisce casa di un operatore sanitario, con le minacce, gli attacchi, l’odio e l’intolleranza. Tutti questo prodotto lavora per assistere i pazienti con COVID-19così, forse, forse, spinti dalla paura e dall’egoismo, questi residenti della zona hanno attaccato.

(embed)https://www.youtube.com/watch?v=5KvhmOYjb28(/embed)

Il fatto è stato reso noto il Luis Angel Rodriguez, coordinatore del Canale di notizie 10.1 HD Durango, chi ha detto che è urgente che viene elaborato al responsabile dell’ “vile minaccia, secondo le sue stesse parole. Pubblicando su Twitter che è stato riportato ampiamente finché giunse alla Procura della repubblica di Durango, in cui i loro ufficiali è andato a casa della donna interessata a sollevare un reclamo e indagare di più sul caso. Anche il Governatore della Durango era presente, secondo setpoint SDP Notizieaffermando che non tollera gli attacchi sul personale di salute, quindi thatshould essere responsabile per la sicurezza dell’infermiere.

Vicini eliminato le minacce che hanno ricevuto infermiere cura per i pazienti con COVID-19. Siamo a strisce casa 13
Norman Isacco Chavez / Twitter

Ma non è stato tutto heartbreak per questa infermiera e intorno alla vostra vicinanza, perché un gruppo di vicini di casa, guidati dal procuratore Norman Isacco Chavez, è venuto alla sua residenza, ma questa volta non per amedrentarla, ma per dipingere la casa e lasciare come era prima, o anche meglio.

Vicini eliminato le minacce che hanno ricevuto infermiere cura per i pazienti con COVID-19. Siamo a strisce casa 15
Norman Isacco Chavez / Twitter

Azione nobile e di cura, e ancora di più sapendo che il messaggio che è stato graffiato prima hanno cancellatoche le disse: “Hai COVID, si sta andando a bruciare”. Una minaccia crudele e ingiusto, prima che ci fosse una risposta gentile e lealeperché una persona che è dedicato a confrontarsi con una malattia pericolosa, per il bene di tutti, ciò che si meritano di più è aiutare e sostenereinvece di attacchi.